Organizzazione indipendente che fornisce istruzioni per emigrare raggirando le Leggi

Chiunque investa anche nel propio piccolo con i propi risparmi, in fondi comuni o azioni o valute (=forex) o altro prodotto finanziario, segue i giornali finanziari per rimanere costantemente informato sui “trend” (=tendenze) dei vari mercati sperando di azzeccare l’investimento giusto. Bene!… Il bello ed il cattivo tempo, come è noto a tutti, lo fanno le “ lobby finanziarie” come grossi finazieri, speculatori, società di rating, ecc. I piccoli investitori possono solo seguire la corrente sperando di guadagnarci qualcosa (il più delle volte ci si rimette!) e per farlo legge tutti i giornali finanziari possibili per cercare di avere un quadro generale della situazione. Leggendo uno dei giornali finanziari on-line in un articolo del 20 luglio 2017 guarda chi viene fuori?! George Soros.

Chi è Soros, leggete anche voi e vedrete cliccando al seguente link: “Perchè George Soros finanzia l’arrivo degli immigrati in Italia“.

Ecco chi finazia le ONG e l’organizzazione indipendente “Welcome to Europe” (=Benvenuti in Europa) e perchè. Da quì si capisce il perchè delle indagini della Procura di Trapani sulla collusione tra ONG e trafficanti.

Sarà vero che nessuno del governo sappia se lo sanno i giornalisti?! O forse lo sanno ma…

Povera Italia!

 

http://w2eu.info/tl_files/img/w2eu.header.jpeg

Organizzazione indipendente che fornisce istruzioni per emigrare raggirando le Leggi

 

Il “Rifugiato politico” secondo la Legge è chiunque venga perseguitato politicamente per motivi discriminatori di genere politico, raziale o religioso. Un tempo i rifugiati politici erano dei noti attivisti politici, perseguitati dal governo locale, che lottavano per ottenere dei diritti ( negati nel propio paese) per vari motivi, appunto politico, raziale o religioso e chiedevano quindi asilo politico presso le ambasciate o consolati di altre Nazioni sul propio territorio.

Ora chiunque può dichiarare di essere un perseguitato politico fuggendo dal propio paese arrivando su terra straniera, senza la possibilità che nessuno possa sapere chi sia, da dove venga e cosa facesse nel propio paese di origine. Dei perfetti sconosciuti! Centoottantunomilaquattrocentoottantasei (184.486) ne sono arrivati nel 2016, in aumento del 18% rispetto all’anno precedente, un record! Saranno tutti attivisti politici…?! Non credo.

Il “Profugo” invece è chiunque sia dovuto scappare dal propio paese di orgine a causa di guerre o persecuzioni. I paesi in guerra sono noti e le persecuzioni raziali o religiose nelle varie zone del mondo anche sono note (vedi persecuzione dei cristiani ad es.). Allora perché tanta difficoltà nel distinguere chi ha diritto o meno ad essere accolto?!

Tutti gli altri che non rientrano nelle suddette categorie di “Rifugiato politico” o “Profugo” va da se che è un “Immigrato“! Poi se l’immigrato è regolare o meno questo dipende se ha o meno il posto di lavoro, un alloggio, può mantenersi da solo ed ha CHIESTO IL PERMESSO per rimanere sul territorio. Chi non può mantenersi da solo e non ha una residenza stabile è chiaro che è un immigrato irregolare, ed è così ovunque nel mondo. Perchè qui in Italia NO? Ciò che accade in Italia e che l’ottanta (80%) per cento dei richiedenti “asilo politico” non ne hanno diritto e sono immigrati economici, quindi la soluzione italiana e di dare in alternativa il visto per motivi UMANITARI… così il problema legale è risolto!

Che ci siano degli interessi economici dietro all’immigrazione di massa che a noi poveri mortali ci spacciano per interressi umanitari? Molto probabile!

E chiaro però che a farne le spese sono i soliti! La popolazione che soccombe e subisce inerme ed indifesa, alla quale nessun governo ha mai dato risposte ai propi problemi prima, ma che incredibilmente da risposte immediate ai bisogni degli altri, gli immigrati! Non si è mai visto tanto fervore in tutta la storia per aiutare gli italiani in difficoltà prima come ora per gli immigrati. Come mai? Trentacinque euro al giorno per ospitare gli immigrati (per un totale di 5 miliardi di euro questa’anno): vitto, alloggio, vestiti, cellulari, paga giornaliera e quant’altro. Addirittura Minniti sta censendo le seconde case degli italiani ancora sfitte per far fronte all’emergenza abitativa degli immigrati dopo i disordini degli sfollamenti degli abusivi! Mai successo prima nella storia per le emergenze abitative degli italiani, ne per i meno abbienti, ne per i terremotati. Così gli immobili privati prima occupati abusivamente potrebbero diventare occupate legalmente! Che genialata!! Un’altra sorta di regolarizzazione all’italiana dell’abusivismo. (Guarda link: “Sgomberi e immigrati, l’idea del PD…”Minniti: Un censimento delle case private inutilizzate “)

Il governo quando parla di immigrazione nella sua retorica continua ad usare parole come accoglienza, rifugiati, dovere, civiltà, umanità, razzismo, tutti termini ben scelti nella loro dialettica per generare senso di colpa nei cittadini italiani e giustificare la loro politica. Ma che politica è, quale fine sta perseguendo? Quella delle Lobby finanziarie… In Europa non si parla d’altro che di debiti, tasse ed austerità (vedi il caso Grecia, uno stato fallito soffocato dai debiti con l’Europa per decenni), PIL (=Prodotto Interno Lordo nazionale) e competitività economica, qundi produttività industriale, quindi MANO D’OPERA A BASSO COSTO! La mano d’opera a basso costo significa togliere i diritti del lavoratore acquisita negli anni della lotta di classe proletaria, cioè stipendi e tutte le condizioni contrattuali a favore del lavoratore che poi si traducono in costi per l’imprenditore.

Ma chi finanzia le ONG e il sito W2EU.INFO di “Welcome to Europe” e tutte la altre organizzazioni volte a facilitare o ad incentivare l’immigrazione clandestina e a che scopo?

 

Clicca su questi link:

L’Europa ci fa il lavaggio del cervello

Il piano UE per rendenci schiavi

Il piano tedesco per creare l’Europa dei poveri

Il piano della Boldrini per la grande invasione

A chi e a che cosa serve l’immigrazione di massa

L’immigrazione di massa come arma politica

Povera Italia!!

https://www.leggioggi.it/wp-content/uploads/2012/07/L_italia_che_affonda.jpg

Ecco il MANUALE DEGLI IMMIGRATI per arrivare in Europa (ed in Italia specialmente) e rimanerci aggirando le Leggi!!!

Un articolo giornalistico on-line su “Social TV” in You Tube vi spiega bene il perchè gli immigrati arrivano, come arrivano e come fanno a sfruttare  le leggi per rimanerci! Specialmente in Italia dato che tutte le altre frontiere e porti sono chiusi. Una propaganda illusoria dirotta tutto il terzo mondo verso l’Europa come se fosse una terra promessa dove tutti i loro problemi si risolveranno per magia.

Dopo la rivelazione di Emma Bonino si è saputo il perchè arrivano tutti in Italia e perchè il resto degli stati europei non li accettano. Non certo perchè non ci vogliono aiutare ma perchè tengono fede all’accordo, a loro vantaggio, fatto da Matteo Renzi per  farli sbarcare tutti in Italia (qest’anno gli  immigrati ci costano cinque miliardi di euro)!

Il manuale dell’immigrato si trova su un sito di una associazione indipendente. Quando si entra nella home page del sito “w2eu.info” (oppure “www.w2eu.info”) si deve selezionare la lingua “english” e selezionare  lo stato “Italy” nella sezione “country”, quindi si troverà il manuale anche in italiano cliccando su  “long/web version” alla voce “italian language”.

Link articolo on -line: Social TV Guida per l’immigrato

Link sito web MANUALE DEGLI IMMIGRATI: Welcome to Europe

Povera Italia!!

Risultati immagini

Nazionale calcio francese 2016

 

“La Storia insegna all’uomo a non ripetere gli stessi errori!…” ci hanno sempre insegnato a scuola fin dalle elementari. Almeno dovrebbe…!!

Francia, Inghilterra, Stati Uniti d’America, Germania, Olanda, sono gli stati che per primi hanno sperimentato l’immigrazione di massa e “l’integrazione”, con criterio e non Selvaggia come qui in Italia ora… Bene arrivati alla terza  generazione, ed oltre,una parte dei figli degli immigrati (grande quanto non si sa…) oggi si identificano non come i figli della società occidentale che li ha allevati sin dalla nascita, ma come i figli delle loro lontane origini dei loro padri!! Sono i nuovi guerrieri della “Jihad” (=guerra santa contro gli infedeli) dell’ISIS. Quindi l‘integrazione è ufficialmende “FALLITA”!!

Noi in Italia come al solito, dobbiamo copiare sempre il peggio dagli altri ed arrivare sempre in ritado su tutto sia nel bene che nel male… Dopo aver visto oggi il risultato di decenni di integrazione negli altri stati europei e non, cosa può far pensare a noi oggi che regalare la cittadinanza a tutti i nati sul teritorio nazionale in automatico, senza che la debbano chiedere tramite lo “IUS SOLI automatico”, possa in qualche modo metterci al riparo da scontri sociali futuri e guere civili come è successo in Francia negli anni passati sino ad oggi con l’avvento dell’ISIS in tutto il mondo?!!

In Italia oggi vige lo IUS SANGUINIUS che a differenza dello IUS SOLI, non è automatico solo perchè si è nati sul territorio italiano, ma ai nati in Italia si da la cittadinanza dietro la richiesta raggiunto il diciottesino anno di età.

In questi giorni il governo Gentiloni sta rimettendo in discussione la Legge dello IUS SANGUINIUS dietro richiesta dopo il raggiungimento della maggiore età, mostrando quindi una qualsiasi forma di di interesse anche se non patriottico. Dato che ad oggi il vantaggio della cittadinanza italiana è solo avere una porta aperta su tutta l’Europa senza più il permesso di soggiorno, cosa può far pensare a qualcuno che regalare la cittadinanza italiana a chiunque possa essere vantaggioso per noi?! Non solo,  lo IUS SOLI con il suo automatismo, obbliga a tutti i nati in Italia ad essere italiani anche se non lo vogliono…!! Un domani i nati in italia  potrebbero anche rinfacciare all’Italia -…chi ti ha detto che io voglio essere italiano ed accettere le tue regole? Io non te l’ho chiesto…-?!

Donne incinta al nono mese di gravidanza arriverebbero in Italia pensando che il figlio nato in Italia acquisterebbe la cittadinanza automatica così da non poter essere più mandata via neache la madre ed il resto della famiglia… Non mi pare una soluzione intelligente propio per nulla!! Anzi già oggi molti cittadini di provenienza dall’est europeo (Albania, Romania, ecc.), quindi vicini, vengono in Italia al nono mese di gravidanza per poi andare al prontosoccorso di qualsiasi ospedale come turista per partorire gratuitamente (gravando sulla sanità pubblica italiana) per poi tornare al propio paese, perchè le cliniche in patria costano. Con tutti quei bambini nati nei prontosoccorsi come la mettiamo nel caso di Ius soli automatico?!

Aiuto!!!! L’Italia sta letteralmente sprofondando ….!!!

Povera Italia e poveri noi!

 

Link:   “Il primo effetto dello Ius soli: il boom di voti al partito islamico”

“Ius soli in Italia? Ecco perchè sarebbe una follia”

“Ius soli secondo Gentiloni”

 

http://www.direttanews24.com/wp-content/uploads/2017/04/casa-occupata-660x330.jpg

Il 2 maggio 2017 vi è stato il blitz della polizia in Stazione Centrale a Milano che ha portato all’arresto per l’identificazione di decine di migranti. L’operazione si è resa necessaria in seguito al continuo spaccio di droga ed altre attività illecite che si svolgono a cielo aperto nella Piazza della Stazione Centrale. Subito è scattata la reazione dei centri sociali, che ha etichettano l’azione della polizia come un azione con significato raziale, appoggiati da un esponente del PD assessore del comune di Milano ed il sindaco di Milano addirittura si è dissociato… Gli stessi centri sociali che esaltano ed appoggiano le occupazioni abusive degli appartamenti popolari e privati togliendo così il diritto alla casa ad altri più onesti ma più “fessi”…

Addirittura viene organizzata per il 20 maggio 2017 una marcia per i migranti alla quale hanno partecipato il sindaco di Milano ed altri esponenti del PD…

Il 18 maggio 2017 avviene una aggressione nella Stazione centrale di Milano nei confronti delle forze dell’ordine con il ferimento di due militari dell’esercito e di un poliziotto, tutti accoltellati. Se le forze dell’ordine avessero reagito per difendersi poi probabilmente sarebbero stati condannati al carcere o al risarcimento dei danni al delinquente con un debito naturaldurante, esattamente come per i cittadini che si sono difesi dai ladri in casa propia!

I cittadini si lamentano per la mancanza di sicurezza per la microcriminalità diffusa e poi quando si fa una azione si sicurezza i politici si dissociano… Quando le forze dell’ordine vengono aggredite i politici al potere non si pronunciano! Poi si fanno marce per solidarizzare, ma non con le forze dell’ordine! I cittadini non possono allontanarsi da casa neanche per un ricovero in ospedale che gli occupano la casa ed i politici dicono che non ci si può fare giustizia da soli ma non è neanche giusto occupare… Però se ci rivolge alla giustizia si da ragione agli occupanti perchè hanno bambini, anche se non sono i loro… Ma per le famiglie che non possono soddisfare la esigenze primarie della loro prole non dovrebbero intervenire gli assistenti sociali?!  C’è qualcosa che non funziona !!!!

Insomma tutto è il contrario di tutto ed alla fine vince il più furbo che sa come soggiogare la legge con le stesse leggi che glielo permettono!!

QUESTA E’ ANARCHIA TOTALE!

Povera Italia!

Link:  Articolo Blitz Polizia alla Stazione Centrale di Milano

Articolo sul bilancio finale del Blitz alla Stazione Centrale di Milano

 Articolo Aggressione forze dell’ordine alla Stazione Centrale di Milano

Articolo Aggresione Viale Monza Milano

Articolo Forze dell’ordine sotto attacco

 

http://images.freeimages.com/images/premium/previews/8345/8345458-cartoon-doctor-with-syringe.jpg

E’ appena esplosa una nuova epidemia al pari del Virus Ebola in Liberia appena pochi mesi dopo la fine dell’epidemia di Ebola durata circa due anni. Questa volta però non si sa di che virus si tratti ne, di conseguenza, come curarla! Su diciannove contagiati undici sono già deceduti e dei restanti cinque sono in gravi condizioni e tre in quarantena. Quindi alto tasso di mortalità già ora! La Liberia è nella zona sub sahariana ed è confinante con la Costa D’avorio, Guinea e Sierra Leone. Le malattie non hanno passaporto e non conoscono confini.

Se non esiste cura perchè sconosciuta quindi neanche VACCINO!  Chissà che ne pensano in questo caso le istituzioni  italiane…

 

Articolo di Blasting News su nouva epidemia in Liberia

 

 

Immagine correlata

Mappa Cintura della Meningite 3-11

Mi pare che siamo tutti convinti ed a conoscienza che l’unico modo per non ammalarsi è non venire a contatto con le infezioni o meglio con persone infette. Se no, non si chiamerebbero malattie “infettive”!

Tutti i protocolli di prevenzione sanitaria pubblica od ospedaliera per gli addetti ai lavori (infermieri, medici o altri) prevedono l’ISOLAMENTO. L’isolamento delle persone infette o anche solo sospette di infezione, che devono essere ancora diagnosticate, è sempre stato l’unico modo per evitare le epidemie (difusione delle infezioni). Con l’isolamento e l’igene (comportamenti per prevenire le infezioni) si sono debellate le malattie infettive nella storia. La parola “quarantena” non si sente più da molto in ambito sanitario. La quarantena è sempre stato il primo protocollo sanitario per verificare se un soggetto che è stato al di fuori di una “zona controllata” come potrebbe essere il propio paese, ha contratto una infezione. La quarantena prevede un periodo di osservazione variabile (originariamente era di quaranta giorni) per verificare l’insorgenza di un infezione già contratta ed in incubazione, quindi nel periodo infettivo. La quarantena viene utilizzata, oltre che per l’osservazione, anche per fare esami e curare se necessario. Nel periodo di isolamento quindi si cura e si guarisce il malato evitando la pericolosità della fase infettiva della malattia.

Nel periodo dell’emigrazione negli Stati Uniti d’America all’inizio del millenovecento tutti gli immigrati venivano tenuti in quarantena prima di essere immessi nel paese. E’ fuori di dubbio che i flussi migratori come i flussi turistici nel mondo sono causa di trasporto da una parte all’altra del mondo delle infezioni. Tant’è vero che si consiglia o si obbliga la vaccinazione per viaggi all’estero in luoghi a rischio sanitario e senza avere la sicurezza di sopravvivere anche se vaccinati.

Bene! Allora perchè la Sanità Nazionale Italiana non applica il più semplice dei procolli per i migranti in entrata in Italia, invece di farci vaccinare a tutti con il rischio di intossicazione (per i mille vaccini per le mille malattie infettive) o di effetti collaterali dei vaccini?! Forse perchè la situazione sanitaria migratoria è fuori controllo?!!

O perchè c’è qualcuno che ha un legame di interesse con le multinazionali farmaceutiche?!

Povera Italia!!

Link:

Documento “Prevenzione malattie infettive ASL

Documento “Trattamento casi di Scabbia

Sito sanità pubblica “Meningite

Documento “Misure di profilassi per esigenze di sanità pubblica

Articolo Repubblica.it casi TBC nel mondo e in Italia

Sito della Farnesina “Viaggiare sicuri“  rischio Meningite

Sito “CDC Center for Disease Control and Prevention”

Articolo de il Fatto Quotidiano “Il nuovo bussiness è dare le medicine ai sani…

 

http://www.focusjunior.it/site_stored/imgs/0001/048/igloo.jpg

Delle calotte polari e dell’effetto serra se ne parla oramai fin dagli anni settanta, fin da quando ero un bambino sui banchi di scuola. Le calotte polari sono sempre state il “termometro dell’ecosistema” mondiale per tenerne sotto controllo la salute. Ancora oggi dopo quasi cinquanta anni ancora se ne parla e BASTA! Tutto ciò che ci dicevano sui banchi di scuola si è avverato, le calotte polari si sono ridotte di dimensione, la temperatura terrestre si è innalzata, c’è in atto un cambiamento climatico, i disastri climatici imperversano su tutto il pianeta (compresa l’Italia) con alluvioni in alcune zone e siccità in altre… Le stagioni non sono più “nette” come prima ma confuse. Tutto funziona al contrario rispetto a trenta anni fà, a memoria d’uomo! Manca solo l’innalzamento del livello dgli oceani e mari con l’innondazione delle coste e si è avverato propio tutto!

Le calotte polari e l’innalzamento della temperatura terrestre secondo la comunità scientifica mondiale è una diretta conseguenza dell’industrializzazione che logora a velocità record tutte le risorse della natura, partendo dalle risorse energetiche. Le risorse energetiche, quali petrolio, gas naturale, carbone e tutto ciò che può immettere nell’atmosfera CO2 (=anedride carbonica) dovuta alla comustione, causa “l’effeto serra” che causa l’innalzamento della temperatura terrestre con lo scioglimento delle calotte polari. A ciò si aggiunge un amplificazione del problema con il disboscamento incontrollato delle foreste nelle varie parti del mondo e l’inquinamento ambientale della terra e dei mari. Il disboscamento e l’inquinamento dei mari riduce la capacità della natura di assorbire e riciclare il CO2 trasformandolo nuovamente in ossigeno! Chi non sà che la fotosintesi clorofilliana di tutti i vegetali fa convertire il CO2 in OSSIGENO e che il “plancton” degli oceani fa la stessa funzione dei vegetali sulla terra ferma?! Lo sappiamo tutti ce lo fanno imparare fin dalle scuole elementari. Quindi da una parte immettiamo in quantità abnorme CO2 nell’atmosfera  e dall’altra eliminiamo la flora sulla terra e nei mari che può elimirare il CO2. Più geniali di così…

Si sta cercando di invertire il trend con le energie rinnovabili ma il cammino è molto arduo e molto più lento della velocità con la quale si sta modificando il clima! Comunque le energie rinnovabili non risolvono il problema della deforestazione nel mondo (quella amazzonica e quella africana, anche fin dagli anni settanta…). Ce chi dice che non si può ridurre la produzione industriale per non bloccare l’economia mondiale. Perchè allora non si possono adottare nel frattempo delle politiche economiche che possono conciliare i due aspetti? Producendo posti di lavoro nel settore forestale o marino o nel riciclaggio delle materie come la carta, il vetro, il legno, metalli, e tutte le altre risorse in maniera più massiccia. Ad esempio in alcuni stati europei vi è una legge che obbliga a piantare uno o due alberi per ogni uno abbattuto e le foreste sono addirittura aumentate di superficie gli ultimi decenni invertendo il trend della deforestazione. E’ un esempio di politica economica che guarda al futuro evitando l’esaurimento della materia prima del legno. La deforestazione oltre a ridurre la produzione di ossigeno cuasa anche un cambiamento diretto sul clima dato che dove non c’è foresta c’è deserto, non vi è un ciclo riproduttivo delle nuvole quindi siccità con il conseguente aumento della temperatura nella zona deforestata. Senza contare il dissesto idrogeologico che causa frane montane perchè senza le radici degli alberi che mantengono compatta la terra frana alle prime piogge. Molte sono la conseguenze di una cattiva amministrazione e sfruttamento delle risorse naturali su larga scala!

Occorrerebbe una legislatura a livello mondiale orientata alla protezione dell’ambiente, alla stimolazione della ricerca di nuove tecnologie costruttive e produttive ecocompatibili ed alla razionalizzazione delle risorse, vedendola come una risorsa per dei nuovi posti di lavoro e non come un costo per le imprese. OBBLIGANDO ad esempio con Leggi il settore industriale mondiale a produrre UNICAMENTE tecnologie ecocompatibili e biodegradabili al 100% che non immettano nell’ambiente nuove materie che non esistono in natura perchè frutto dell’ingegneria chimica! Oppure stabilendo dei procolli costruttivi nel settore edilizio che prevedano una certa percentuale di superficie dedicata al verde nelle città. Abbiamo fior di ricercatori, ingegneri e scienziati, in tutti i settori. Perchè non si utilizza allora l’ingegno per fare ricerca in questo senso? Tutto ciò che nelle generazioni passate era demagogia o fantascienza, oggi è realtà quindi se si vuole si può!

Mi pare che sia ora di FARE e non solo di parlare…

Povera Italia e noi tutti sul pianeta!!

 

http://st2.depositphotos.com/1472772/7322/i/450/depositphotos_73221979-stock-photo-toy-gun-with-bang-flag.jpgCosa è la “leggitima difesa”? Quando si ha necessità di difendersi da soli? Difendersi significa respingere le aggressioni da malintenzionati con diversi obbiettivi, il principale sicuramente è il furto, con o senza il sequestro di persone. Respingere le aggressioni significa neutralizzare (o mettere in fuga) gli aggressori per evitare di subire dei danni fisici alla persona che possono causare invalidità permanenti o la morte. Aggressori che possono essere singoli, in coppia o in gruppo. Normalmente si è difronte ad aggressori che hanno la certezza di sopraffare il malcapitato perchè sono più grossi e forti fisicamente o perchè sono in maggioranza numerica o perchè sono armati. Perchè gli aggressori premeditano il “colpo” e scelgono il malcapitato sicuri di sopraffarlo! Ma come si netralizzano gli aggressori a mani nude? Come si neutralizzano gli aggressori senza ucciderli e sicuri di non essere uccisi nell’intento di salvare la vita propia e dei propi famigliari nel contempo?! Vale la pena rischiare la vita propia e dei propi famigliari per cercare di neutralizzare gli aggressori senza uccidderli? Come si può da soli neutralizzare un aggressore più forte o più aggressori magari armati?

Sicuramente è un diritto di qualsiasi essere umano difendere la propia incolumità e l’incolumità della propia famiglia. E’ un diritto difendere i propi mezzi di sostentamento ed averi frutto delle fatiche e sacrifici, magari di una intera vita. Certo la legittima difesa non è la vendetta o la giustizia sommaria come nel Far West come molti pensano e di cui hanno paura. La legittima difesa è un diritto che va meglio specificato negli articoli di legge pechè lascino meno spazio alla interpretazione personale di tutti (compresi i giudici) che poi va provato in tribunale quando applicato nelle circostanze! Quindi legittima difesa non significa neanche che si evita il confronto probatorio davanti ad un giudice quando se ne fa uso e implica delle responsabilità se si applica in modo sbagliato. Certo non si dovrebbe risarcire un malintenzionato che ha attentato all’incolumità propia o dei propi famigliari nell’intento di una rapina!

Legittima difesa è un diritto che va concesso perchè da sempre si parla dell’impossibilità delle forze dell’ordine di difendere ogni singolo cittadino in qualsiasi momento della sua vita. Lo Stato detiene l’escusiva nell’uso della “forza” per difendere il cittadino attraverso le forze dell’ordine per evitare il caos e l’anarchia ed è giusto teoricamente, ma se obbiettivamente non può garantire l’incolumità di tutti i cittadini già viene meno la validità della giusta teoria. Se il diritto alla legittima difesa è ben regolamentato non può avere degli effetti collaterali peggiori di tutte le altre leggi.

Certo c’è una soluzione che limita la necessità della legittima difesa, ed è non incrementare le fila dei potenziali futuri criminali. A maggior ragione quando si è difronte ad una ondata di criminalità senza controllo rafforzata da un flusso migratorio di “disperati” di tutte le provenienze che danno origine a tensioni sociali e focolai di criminalità di matrice diversa e con caratteristiche ancora sconosciute alle stesse forze dell’ordine perchè in continua evoluzione. Le cosidette “bombe sociali”…

Chissà qual’è la soluzione meno peggio!!  Purtroppo teoria, principio, ideologia, etica e quant’altro si scontrano sempre con la realtà delle cose.

Poveri noi tutti e l’Italia pure!!

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/14/Pier_Luigi_Bersani_daticamera.jpg Pier Luigi Bersani

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/6/67/Matteo_Renzi_2.jpg/200px-Matteo_Renzi_2.jpg Matteo Renzi

 

Dopo il referendum di domenica 4 dicembre 2016 la sconfitta politica del PD è palese con il 59,11% dei NO ma pare che i voti per il SI al referendum, che sostengono Renzi quindi, sono la maggioranaza all’interno del partito PD. Vuole dire che in Italia la maggioranza dei simpatizzanti del Partito Democartico sta con Renzi e non con Bersani, almeno pare secondo un’altra chiave di lettura del risultato…

Io mi chiedo, con la condotta che ha tenuto Renzi sino ad ora senza essere stato votato dai cittadini e compresi gli altri due governi di Letta e Monti insediati dal Presidente della Repubblica Napolitano del PDS (Partito Democratico di Sinistra quindi PD) anch’essi senza elezioni, per un totale di cinque anni di governo tanto quanto un mandato intero, ha senso parlare di governo democratico?!

Sinceramente sentire parlare di democrazia da un Partito Democratico che ha insediato tre governi consecutivi con l’aiuto del Presidente della Repubblica non democarticamente, che fa leggi a sua discrezione e pretendeva anche di abolire il voto dei cittadini per l’elezione dei Senatori, eliminando così l’ultima parte di opposizione, fa al quanto ridere!

Menomale che tutti hanno paura di un governo di destra totalitario e la sinistra com’è…

Comunque pare che in tutta Europa ed America si alternino i governi di destra e sinistra in maniera democratica, quì invece il PD anche dopo la sconfitta politico/morale del referendum con il 59,11% dei NO contro il 40,89% dei SI non demorde, in una maniera o l’altra è ancora lì!! Bersani vorrebbe prendere il posto di Renzi e addirittura prevede che per approvare la legge di elettorale ci voglia fino alla fine dell’anno prossimo se non oltre, giusto per arrivare fino alla fine del 2018 che è la fine del mandato di Renzi… Quindi non si può andare alle elezioni sino all’approvazione della legge elettorale. AIUTOOOO!!!!! Questo PD è peggio “dell’erba cattiva” non te ne liberi più, più la strappi e più ricresce! Ma il parlamento non dovrebbe rispecchiare rappresentativamente tutte le esigenze e idee di tutte le estrazioni sociali dei cittadini, votando democraticamente, e non solo di alcune?

Povera Italia! Sempre più povera….

 

Link intervento di Di Battista in parlamento contro Renzi.

Link discorso di Sabrina Ferilli per il NO sul voto della riforma Renzi sull’elezione del Senato.

Intervista a Sabrina Ferilli su “La7″

 

http://resize2-parismatch.ladmedia.fr/rcrop/250,250/img/var/news/storage/images/paris-match/people-a-z/donald-trump/6020830-6-fre-FR/Donald-Trump.jpgInvito a vedere, per chi non lo avesse già vista, la puntata di “Piazza pulita” su La7 inititolata “I Barbari” del 10/11/2016. In questa puntata si parla della elezione di Donald Trump e di altri argomenti molto interessanti.  Tra i partecipanti Giorgia Meloni che si confronta con i giornalisti americani Alan Friedman e Rula Jebreal. Bene, nei primi centoventi minuti di trasmissione si è parlato di Trump senza esclusione di colpi. Invito a vedere tutta la trasmissione ma in particolare i primi centoventi minuti circa e segnalo con estrama attenzione gli interventi di Giorgia Meloni al 40′ minuto e al 48′ minuto dove vi è un sunto della politica estera di Trump che è il motivo, a mio avviso, per il quale Trump è stato eletto dal popolo. Il problema è, la polica estera di Trump aldilà della polemica razzista che impatto avrà sull’economia europea ed in particolare italiana?! Dovremmo applicare anche noi in Italia una politica estera protezionistica per risolvere la crisi economica? Come ha detto Alan Friedman durante la trasmissione, riferendosi alla polemica razzista su Trump, non tutto quello che dicono i politici durante la campagna politica prima delle elezioni verrà fatto poi come non è stato fatto da altri prima, dato che Trump ha già ritrattato molte cose dette subito dopo aver catturato il consenso dalle varie parti della popolazione. Non rimane che aspettare e vedere, dato che anche Trump come tutti i governi di sinistra precedenti è stato eletto altrettanto democraticamente dal popolo. Speriamo in bene…

Link puntata “I Barbari” di La7

 

Risultati immagini per bettino craxiUna intervista a “Bettino” Craxi che racconta la sua verità sulla vicenda “Mani pulite” da Hammamet in Tunisia nei suoi ultimi anni di vita. Dove spiega che tutto il meccanismo politico funzionava a quel modo e che a pagare è stato, in sostanza, solo lui… Testimoniato dal suo intervento in parlamento, al dodicesimo minuto e cinquanta secondi del filmato, dove chiede a tutti i parlamentari capi di partito di giurare di non aver mai perso finanziamenti illeciti per il partito (cioè senza fattura) e dove tutto il parlamento si è ammutolito e non ha saputo rispondere… Segno di vergogna e silenzio assenso.

Comunque all’undicesimo minuto e trenta secondi del filmato dice una frase sulla allora futura entrata in europa e nella moneta unica. Questa frase dice: – … si presenta l’Europa come una sorta di paradiso terrestre, arriveremo al paradiso terrestre, ma per noi nella migliore delle ipotesi sarà un limbo e nella peggiore sarà un inferno! Quindi bisogna riflettere su ciò che si sta facendo. Perchè la cosa più ragionevole di tutte era quella di richiedere e pretendere, essendo noi un grande paese (…perchè se l’Italia ha bisogno dell’Europa, L’Europa ha bisogno dell’Italia…), una rinegoziazione dei parametri di Maastricht!…-

Evidentemente lo si sapeva già dove si sarebbe finiti con l’entrata in Europa e nella moneta unica, ma “gli altri tutti” non hanno voluto ascoltare difatti con Romano Prodi del PD siamo entrati a forza nella moneta unica (massacrati di tasse) e con Matteo Renzi ancora con il PD ci dobbiamo rimanere a forza (sempre massacrati di tasse e con limitazioni di produzione agricola e zootecnica) …! Ed ora con la collaborazione di un presidente della repubblica (Giorgio Napolitano del PDS) siamo al terzo governo PD senza elezione alle urne.

Craxi quello che sia stato sia stato probabilmente è stato uno degli ultimi statisti veri italiani così come Andreotti e pochi altri contemporanei, che come priorità avevano il bene dell’Italia senza scendere troppo a patti con altri capi di stato a discapito dell’interesse italiano.

 

Clicca per vedere il filmato su “Bettino” Craxi: Benedetto Craxi e il testamento inedito

Clicca per vedere il filmato sulla notte di Sigonella con al governo Craxi: La notte di sigonella e la sovranità nazionale

http://www.lagazzettadellospettacolo.it/wp-content/uploads/2016/08/Miss-Italia.jpg

Come mai il concorso nazionale di bellezza italiano, che un tempo era uno degli avvenimenti più importanti al pari del concorso della canzonetta di “San Remo”, dalla diretta su reti “Rai” è finita in diretta su “La 7″ una rete privata non propio tra le più seguite?! Forse perchè le partecipanti non sono più tutte propio di orgine italiana (tranne che sul passaporto) e qualcuna dice di essere fedele alle propie origini? Ma se si vuole essere fedele alle propie origini non italiane perchè voler essere Miss Italia? Solo per convenienza?!

Dobbiamo pensare che dobbiamo dimenticare anche chi siamo?!

Perchè è normale e comprensibile se tutti fanno di tutto per ricordare e non perdere le propie radici anche quando sono quì in Italia lontano dalla loro terra e noi italiani non possiamo perchè se no saremmo dei populisti, antiprogressisti, antitutto…?!

Povera italia…!!

Clicca sul link per vedere 77 anni di storia italiana: Albo d’oro Miss Italia

Invito a guardare l’ultima puntata di Piazza Pulita Crack trasmessa il 23/08/2016 alle 21,10 su La 7 intitolata “L’odio” sul sito “rivedi L 7″.

E’ molto istruttiva nei primi diciassette minuti su come va la guerra contro l’ISIS, ma è molto più istruttiva dopo il diciassettesimo minuto su come funziona il vero flusso di profughi e quali rotte percorre il vero flusso di siriani. Noterete subito la differenza tra i volti dei uomini e delle donne e dei bambini delle famiglie siriane e quelli dei migranti che sbarcano invece in Italia seguendo una rotta del tutto diversa dalla loro! Soprattuto la percentuale tra uomini e donne e bambini nella massa dei migranti che è ben diversa da quella che sbarca in Italia. Conoscerete anche altre informazioni sulla Turchia  e altre ancora sul traffico dei passaporti falsi per spacciarsi siriani.

Poi al quaratacinquesimo minuto inzia una buona informazione sul terrorismo islamico.

Buona visione!

Link: foto 1 migranti in Italia     foto 2 migranti in Italia

foto 1 profughi siriani        foto 2 profughi siriani        foto 3 profughi siriani      foto 4 profughi siriani     foto 5 profughi siriani

Puntata Piazzapulita Crack L’odio

Ci sono persone che dicono che siamo a crescita zero e che quindi ci servono i migranti. Apparte che la condizione “crescita zero” dura da quando ero alle scuole elementari quindi da almeno quaranta anni e a quest’ora l’Italia sarebbe deserta se fosse vero e comunque prima degli anni novanta non vi erano immigrati e vivevamo lo stesso…

Se siamo a crescita zero è per un problema economico e legislativo. Un problema economico perchè il costo della vita aumenta e legislativo perchè il governo non fa niente per aiutare gli italiani a migliorare le propie condizioni di vita. Al problema si aggiunge l’emigrazione dei giovani italiani all’estero per motivi lavorativi perchè quì non vi sono prospettive per il futuro. Mettere su famiglia costa molto denaro e per il denaro serve il lavoro.

Ma perchè il governo non fa niente per riavviare la Piccola Media Impresa riavviando le sportazioni con una buona politica estera producendo così dei nuovi posti di lavoro per tutti, giovani e meno giovani che stanno perdendo il posto di lavoro perchè le imprese stanno chiudendo?

Siamo arrivati al punto che i pensionati devono emigrare all’estero, se possono, dove al cambio valuta l’Euro vale di più per vivere dignitosamente! E’ il colmo…!!

E il governo che soluzione da a tutti i problemi… apriamo le porte a tutti i migranti del mondo per rimpiazzarci!! Che soluzione geniale!! Invece di trovare una soluzione per il posto di lavoro, al costo della vita e cercare di migliorare le condizioni di vita degli Italiani, che hanno pagato e continuano a pagare tasse su tasse, ci sostituiscono… Ma quasi quasi ci vado anche io al governo tanto basta poco per trovare soluzioni così, mica serve una laurea….!! Non solo, chi si permette di parlare male dell’Islam la Boldrini lo punisce con una legge ad-hoc, così i futuri “italiani trapiantati” sono del tutto integrati, secondo Lei…

Che significato ha RIMPIAZZARE il popolo italiano con dei migranti se non vi sono prospettive per il futuro per gli italiani così come non ce ne saranno per i migranti?

Continuiamo a votare PD ( la sinistra per il lavoratore…) che così va tutto bene!!!!

Povera Italia….

 

Leggi articolo: La Boldrini spalanca le porte: “ora più migranti in Italia”

Leggi articolo: La Boldrini vuole punire chi parla male dell’Islam

Come al solito molti disertano le votazioni, che siano referendarie, amministrative o politiche (che non si fanno dall’ultimo governo Berlusconi) e chi rimane non sa chi votare! Perchè?! Perchè il centro sinistra che è al potere da settanta anni, dalla fine della seconda guerra mondiale, si è dimostrata inaffidabile ed anche disonesta e ha tradito la fiducia dei cittadini. D’altra parte il centro destra non viene votato per una paura ancestrale che un ipotetica incarnazione di Benito Mussolini torni al potere!

Una terza possibilità oggi potrebbe essere il movimento “Cinque stelle” che però ha già avuto dei dissidenti ed alcuni scandali interni che li hanno fatti sembrare uguali a tutti gli altri… Oppure un’altra alternativa poteva essere “Forza Italia” che sono dei liberali. Ma alla fine vince sempre la disillusione dei cittadini oramai stanchi e sfiduciati dalla politica e dai politici di qualunque schieramento essi siano, perchè qualsiasi schieramento votino i cittadini anche se va al potere, poi le cose non vanno mai come pensavano che andassero…!! Non rimane che votare il meno peggio… sempre se si ha ancora voglia di alzarsi da “letto” per andare alle urne…

Povia che canta “Era meglio Berlusconi”

Povera Italia….

La voglia però bisogna farsela venire di andare alle urne, perchè “se la politica non la fai tu la farà qualche altro al posto tuo”! Quindi andiamo alle urne e votiamo bene per cambiare questa situazione che ci fà andare sempre più alla deriva da quando è stata sospesa la democrazia dal persidente della repubblica Giorgio Napolitano che ha insediato questi tre ultimi governi senza elezioni dei cittadini…!!

Scioperano ancora i metalmeccanici per i rinnovi contrattuali, per ottenere nuovi aumenti salariali a maggio e giugno. Ed è giusto e sascrosanto chiedere un adeguamento al caro vita che di anno in anno aumenta!! A maggior ragione da quando non esiste più la famosa “scala mobile” che era l’adeguamento salariale automatico all’inflazione.

Ma la vergogna del “superminimo assorbibible”, legge che pertmette di riassorbire gli aumenti individuali con i successivi aumenti salariali dei rinnovi contrattuali?! A che serve chiedere un aumento salariale individuale al titotlare per dei meriti personali se poi se lo riprende indietro negli anni fino ad assorbimento comlpeto?… Questa regola vergognosa mi pare esista solo nel CCNL metlameccanici, tralatro… Di questa regola non se ne parla di cancellarla dal CCNL metalmeccanici e da qualsiasi altro contratto, ammesso che esista in altri contratti?!

Della quattordicesima mensilità che non esiste solo per il CCNL metalmeccaninci mentre per tutti gli altri contratti (nel settore privato) che non l’avevano sono già stati equiparati aggiungendola già da tanti anni! Non se ne parla?!

Perchè delle cose più ovvie non se ne parla mai? Il contratto metalmeccanici  con i minimi tabellari (cioè paga base) più bassi di tutti gli altri contratti, della quattordicesima mensilità assente, della regola del superminimo assorbibile, del diritto ai giorni di malattia massimi annuali crescenti in base all’anzianità di lavoro (altra cosa che non esiste negli altri contratti), della contribuzione pensionistica inferiore (a vantaggio del titolare e a svantaggio del lavoratore) e di tutte le altre cose che nel CCNL metalmeccanici sono svantaggiose rispetto agli altri contratti non se ne parla?! Perchè?

Menomale che il CCNL metalmeccanici è quello che ti tutela di più grazie ai sindacati… -…come no!…-

Ora l’Austria alza le bariere per il controllo dei flussi alle propie frontiere così come lo ha fatto prima la Grecia, la Bulgaria e infine l’Ungheria (vedi articolo di “l’Espesso”) senza dimenticare la frontiera italo-francese a Ventimiglia e il confine italo-svizzero chiusi oramai da mesi. Non dimentichiamo anche Svezia, Olanda e Inghilterra con il problema dei respingimenti dei migranti…

L’Europa prima ci ha chiesto di controllare le nostre frontiere (già da anni) disinteressandosi del problema dato che il problema era solo sulle nostre frontiere sul mare e da un’altra parte ci bacchettava per la nostra mancanza di umanità se non li soccorrevamo… Il nostro governo per anni ha disatteso le richieste dell’Europa di controllare le frontiere perchè incapace di farlo facendolo diventare un problema anche dell’Europa a livello mediatico, probabilmente anche per continuare a prendere i finanziamenti Europei…

Poi il problema si è  esteso anche alle frontiere via terra dall’est europero e dalla Turchia e lì il problema è diventato anche dell’Europa non era più solo italiano!! Ora perchè è diventato un problema mediatico per tutti allora tutti hanno cambiato idea diametralmente?…

Ma come a noi non piace che l’Europa, piutosto che altri, ci dica cosa fare a casa nostra sia per l’immigrazione che per la nostra economia è giusto dire ad altri cosa fare a casa loro?! Be… penso che la legge deve essere uguale per tutti, se non vogliamo che ci comandino non dobbiamo comandare ad altri! Obbligare l’Austria, ultimo confine rimasto aperto con l’Italia (quello con con la Slovenia ex Jugoslavia è un confine di entrata non di uscita per i profughi), a non chiudere il confine perchè ci fa comodo come ultima porta di uscita per i profughi non è giusto. Non dimentichiamo che il problema non è come fare uscire i profughi dall’Italia, che si dicevano solo di passaggio, ma è come non farli entrare magari non dando più motivo di arrivare andando a prenderli a pochi chilometri dalle loro coste (e non dalle nostre…), perche così facendo si “buttano direttamente in mare” alimentati dalla consapevolezza che qualcuno li andrà a prendere! I trafficanti di migranti, che battono le rotte marine oramai conosciute, quando si avvicina una imbarcazione militare in missione di salvataggio, rompono apposta il motore dell’imbarcazione perchè sanno che le leggi internazionali obbliga le navi di passaggio a salvarli perchè naufraghi, fatta la legge trovato l’inganno!!

Oramai è assodato che di tutta l’mmigrazione solo una minima percentuale è realmente profuga di guerra e che la maggior parte è  immigrazione economica mischiata con i profughi!

Il Papa fa il mestiere del Papa certo non può operare contro la fratellanza umana quindi sono più che scontate le sue parole! Sta agli stati perndersi la responsabilità per fare ciò che occorre nell’iteresse del propio popolo come tutti gli altri stati del mondo fanno, compresi quelli da dove vengono gli immigrati economici…

Ma il discorso sulla ristabilizzazione della situazione economio-politica nelle zone del mondo più a richio per aiutarli a casa loro, dato che è impensabile che l’altra metà del mondo possa stare tutta in Europa?…. Non se ne parla più… Forse perchè adesso è più importante aprofittare di questi problemi per utilizzarli mediaticamente come cavallo di battaglia per fare campagna politica!

Tutto tranne che nell’iteresse dell’Italia…

 

Povera Italia….

L’area di “EXPO 2015″ di Mazzo di Rho a Milano è diventato un centro profughi, temporaneo a loro dire. Ma come tutte le cose temporanee in Italia quasi sicuramente (cioè certamente!) diventerà definitivo. Già l’hub regionale di Bresso a Milano era un centro profughi temporaneo…!! Ci mancava solo di spostarli a Mazzo di Rho ai confini di Milano così danno meno nell’occhio. Dato che soluzioni per il collocamento dei profughi (così detti…) non ci sono, perchè dove li metti li metti sempre quì in Italia devono restare e sempre più aumenterranno di numero, non vedo dove sia la temporaneità del provvedimento!…  L’area EXPO di Mazzo di Rho per la sua grande estensione di 110 ettari diventerà un altro C.A.R.A. di Mineo quasi certamente (cioè sicuramente) con il vantaggio però, per i profuhi, che è molto ben collegata con il centro di Milano con la linea metropolitana Linea 1 con una bella ferama chiamata propio RHO FIERA MILANO. Ottimo!! Milano la metropoli italiana della moda, della borsa valori, e capoluogo economico trasformata in un ricovero per migranti che non avranno mai un loro posto… Meno male che i cosidetti profughi dovevano essere solo di passagio… Peccato che l’Europa super democratica però non li vuole ed il viaggio dei migranti si è interrotto alla stazione di Milano come alla frontiera con la Francia di Ventimiglia in Liguria. Già qualche mese fa vi sono stati dei disordini a Bresso a causa dei migranti alloggiati nell’hub che hanno manifestato una mattina bloccando la strada e la viabilità delle automobili dei lavoratori e degli autobus di linea perchè pretendevano i “documenti” (i permessi di soggiorno) immediatamente per adarsene dall’Italia chissà dove. Ma chi non ha lo status di profugo perchè non viene da un paese in guerra non può essere riconosciuto tale e quindi non viene accettato dal resto dell’Europa! Sono”migranti economici” non profughi di guerra!

Che nei paesi del terzo mondo le condizioni economiche, igeniche e di vita siano molto svantaggiose o che i governi locali siano molto repressivi lo si è sempre saputo e non è da oggi che è così. Cosa è cambiato da ieri? Che ora vi sia la possibilità per tutti gli africani di imbarcarsi in Libia, che è in guerra, per migrare in Europa non significa che siano tutti profughi di guerra.

Nell’articolo del quotidiano “IL TEMPO.IT” pare viene posta l’attenzione sul fatto che al C.A.R.A. di Mineo dove vengono alloggiati i “profughi” degli sbarchi dei gommoni solo 3 sono veramente profuhi e che su più di tremila sbarcati alloggiati attuali vi siano solo 121 donne, tutti gli altri sono uomini. Ma le famiglie e gli anziani dei “profughi” non profughi perchè sono rimasti tutti in Africa se provengono da un paese in guerra?!

Un’altra gestione alquanto fallimentare di una situazione di emergenza (perenne) che si aggiunge alla crisi economica italiana che non può certo dare risposte agli abitanti del resto del mondo quando non riesce a dare prima risposte ai cittadini italiani. Un rimandare il problema senza cercarne la soluzione, così come figurativanèmente si mette la “polvere sotto il tappeto” invece di raccoglierla e metterla fuori di casa.

Povera Italia!

Le “unioni civili” tra coppie omosessuali che vengano regolamentate per colmare un vuoto legislativo sui diritti e doveri all’interno della coppia come i diritti sulla succesione per l’eredità e i doveri di fedeltà e mutuo aiuto in una vita di convivenza è anche giusto. Ma la prole non essendo possibile procrearla in coppie dello stesso sesso non può esistere per natura e non può essere un problema di diritto o di morale.

Un eventuale legge che dia il diritto di adozione alle coppie omosesuali senza tenere conto principalmente della salute dei bambini come si è sempre fatto per le coppie eterosessuali, solo per il desiderio di equiparare in tutto le coppie omo ed etero per forza, non mi pare molto normale.

Per anni e anni si è parlato della necessità della persenza di una figura paterna ed una materna per il buon sviluppo di un bambino che deve avere un esempio educativo da seguire ed una figura nella quale identificarsi. Se in una famiglia mancava per vari motivi ( lavoro, separazione o semplicemente perchè uno dei due si estraniava dalla cura dei figli…) la presenza di uno dei due coniugi i figli ne risentivano e subito diventava un problema degno dell’intervento di assistenti sociali. Ed ora, non è più così…? Decenni di regole buttate via o le regole erano false… O forse non conviene ricordarle le regole che si sono sempre applicate per tutti noi fino a ieri…? Magari per una convenienza politica…

Non si può neanche dire nei tempi moderni tutto cambia, perchè la natura non cambia!

Rai la televisione di stato che in quanto tale è finanziata con le tasse dei cittadini e dovrebbe offrire un servizio pubblico. Ma se già si pagano le tasse per tutti i servizi pubblici (scuole,ospedali,strade,ecc.) che dovrebbero essere resi, perchè non è compresa anche l’informazione? Il canone Rai è nato e continua ed essere una tassa non sull’utilizzo di un servizio come per le pay-tv (TV a pagamento) ma per la semplice detenzione di un qualsiasi apparecchio capace di ricevere trasmissioni televisive.

La Rai ha una programmazione con spot pubblicitari esattamente come le televisioni private in chiaro (gratuite) ma che oltre a ciò percepisce il famoso canone Rai OBBLIGATORIO. La domanda a questo punto è, quanti cittadini hanno piacere ed interesse a guardare i canali Rai? Le pay-tv se non si ha interesse a vederle non si chiede l’abbonamento e non si pagha. Se non si ha interesse a guardare i canali Rai si può farne a meno di pagare il canone? La risposta è NO! Che la si guardi o meno il canone lo si deve pagare. La tecnologia per evitare di vedere in chiaro un canale esiste da molti hanni e la utilizzano appunto le pay-tv. Perchè i cittadini devono essere obbligati a pagare il canone Rai se non hanno interesse nei canali Rai?

Le reti private in chiaro che hanno avuto il boom negli anni ottanta (vedi il gruppo Mediaset e molte altre…) sono nate dal niente e sono cresciute fino a diventare delle multinazionali senza alcun canone e hanno di gran lunga una programmazione più intessante dei canali Rai. Le reti private vivono con la pubblicità esattamente come la Rai ma senza canone. Perchè la Rai non può sopravivere senza il canone Rai come le altre reti private i chiaro (gratuite)?

Sarà perchè rinunciare ad una tassa per lo Stato italiano è praticamente impossibile come per le accise sui carburanti?

Le tasse una volta messe non si tolgono più, aumentano generalmente (qualche volta diminuiscono) e cambiano solo nome…

Khalid Chaouki politico del PD in una intervista a “Il Giornale” pubblicata in internet ammette che l’Islam  non è tutto come c’è lo vogliono “dipingere”. Leggete l’articolo cliccando su questo link. Però perchè continua a difenderlo a spada tratta?! I giornalisti Magdi Allam e Souad Sbai hanno dato delle descrizioni del mondo Islamico e dei rischi che corrono l’Italia e l’Europa, diametralmente opposte a quelle di Khalid Chaouki nei confronti televisivi con il deputato del PD.

Sito internet di Magdi Cristiano Allam

Sito internet di Souad Sbai

Sito internet di Khalid Chaouki

Dopo mesi di articoli di vari giornali e indiscrezioni trapelate a proposito di una supposta cooperazione dell’intelligence turca con l’Isis, non è ben chiara la situazione. Certo è che i curdi non sono simpatici ai turchi e se qualcuno li elimina fa loro gioco… Da quando Vladimir Putin si è alleato con la Francia per muovere guerra contro l’Isis certo è diventato alleato di un paese NATO quindi della NATO ( di cui fa parte anche la Turchia dal 1952) a tutti gli effetti , in questa guerra, senza contare che la Russia e tutte le sue ex repubbliche già fanno parte dell’EPAC che è una alleanza per partner extra NATO. In più vi era una collaborazione militare turco-russa sul Mar Nero. Quinidi l’abbattimento del jet russo sul confine turco-siriano è a tutti gli effetti un abbattimento da fuoco amico! Un incidente o un manovra apposita? Chi lo sà… Certo è che le scuse da parte di un alleato che abbatte un jet di una nazione amica, che in più sta combattendo la tua stessa guerra, sono d’OBBLIGO! E poi se si è uniti contro lo stesso nemico ( se è vero che è nemico di tutti e due, senza che uno dei due faccia il doppio gioco…) perchè si dovrebbe abbattere un jet alleato senza prima chiedere spiegazioni dell’accaduto alla nazione amica? Qualcosa non torna…

La Turchia è una nazione di religione e radice islamica che dovrebbe essere un esempio di equilibrio tra islamismo e democrazia nel mondo moderno, però dopo di questi episodi lascia molti dubbi irrisolti… E non dimentichiamo l’episodio di pochi giorni fà allo stadio Basaksehir Stadium nella partita di calcio Turchia-Grecia, i fischi dei tifosi turchi al minuto di silenzio per la strage dell’ISIS in Francia di pochi giorni prima inneggiando “Allah Akbar” (Allah è il più grande) così come lo inneggiano durante gli attacchi le cellule dell’ISIS. Da che parte stà lo Stato turco non è chiaro me è chiaro cosa vi è nel cuore dei turchi. Sarebbe meglio se si sbrigasse lo Stato turco a scegliere da che parte stare e dare un segnale chiaro per dissipare i dubbi e guadagnarsi la fiducia dell’occidente!

Gli USA invece di difendere a spada tratta la Turchia solo perchè si è messa contro la Russia che è il nemico di sempre degli USA  fin dalla guerra fredda che non c’è più, farebbe bene a non rischiare di farci perdere un alleato così forte e vicino di casa rischiando di destabilizzare l’equilibrio delle forze in gioco in questa guerra alle porte di casa nostra!! Al momento anche la Russia, di religione cristiano ortodossa, serve e questa guerra può essere utile anche per consolidare eventuali amicizie future. Ma evidentemente qualcuno preferisce adottare la tattica “divide et impera” così da dvidere per poter continuare a mantenere il controllo della situazione europea.

Dopo l’ammisione pubblica televisiva della ex first lady Hillary Clinton che gli USA hanno creato Al Qaeda ed ISIS risepttivamente per una funzione anti Russia ed anti Assad e di averne perso il cotrollo, non credo che ci si possa fidare degli USA anche per la scelta degli alleati come la Turchia.

Video Intevista Hillary Clinton “Hillary Clinton: We created Al Qaeda”

Articolo giornale Hillaty Clinton “L’ISIS è roba nostra ma ci è sfuggita di nano”

 

Leggete questo estratto dei libri di Oriana Fallaci edito in un articolo giornalistico su “Il Giornale”. Traete le vostre conclusioni senza farvi influenzare da pregiudizi che potrebbero sorgere dal contesto giornalistico, valutate solo lo scritto di Oriana Fallaci.

Cliccate su questo link per leggere: quella “pazza” di Oriana Fallaci

Ci hanno dichiarato guerra e non da ora…

Il mondo si può dividere in molte maniere. Si può dividere in uomini e donne, in ricchi e poveri, in giusti ed ingiusti, in istruiti e ignoranti, in sani ed infermi, in vecchi e più giovani, in simili e diversi, in stranieri e autoctoni, ed in molti altri modi. Ma oggi l’ISIS lo ha diviso in cristiani e islamici estremisti! Oggi in Italia non ci sono più stranieri ed ospiti come lo intendevamo prima ma cristiani ed islamici deviati. Peruviani, equadoregni, cileni, filippini, somali, eritrei, bulgari, ucraini, romeni, albanesi, ecc. presenti sul territorio italiano sono anche di fede cristiana cattolica o ortodossa o evangelista o altra fede di radice cristiana.

Così come anche i protestanti o gli ebrei. Gli ebrei che sono all’origine del cristianesimo perchè Gesù nacque ebreo, ma non fù riconosciuto dai suoi stessi “fratelli” come il messia e fu crocefisso da loro perchè ritenuto blasfemo ed eretico nelle sue affermazioni. Solo dopo il miracolo della resurrezione fu creduto e seguito da altri che fondarono il cristianesimo e la chiesa cristiana con San Pietro, il primo papa della storia! Gli ebrei furono solo strumento di Dio per generare l’occasione del miracolo della resurrezione.

Oggi non dobbiamo lottare tra noi cristiani italiani e ospitati ma dobbiamo unirci contro l’islamismo deviato, contro l’ISIS!

Anche chi non è cristiano ma di altra fede non islamica è  un potenziale nemico per l’ISIS ricordate i giapponesi uccisi in Siria e Bangladesh. Chiunque potrebbe essere attaccato, chiunque non islamico.

Sono potenziali obbiettivi anche tutti coloro che non si piegheranno all’ISIS ed alla fede ilsamica così come è concepita dall’ISIS. Ricordate il pilota giordano che fù bruciato vivo perchè musulmano quindi ritenuto traditore della fede.

Al mondo si contano circa un miliardo e ottocento milioni di fedeli musulmani e non tutti sono dalla parte dell’ISIS, ma al mondo siamo più di sette miliardi. I restanti oltre cinque miliardi (dei quali circa due miliardi e duecento milioni di cristiani) sono potenziali nemici dell’ISIS. Per ora l’attenzione dell’ISIS è su noi cristiani ma poi si potrebbe spostare su tutti gli altri!! Uniamoci e vinciamo!!

Alla nascita di Gesù i Re magi (cioè maghi) che furono capaci di presagire l’arrivo del messia arrivarono da ogni angolo del mondo provenienti da terre lontane e da culture lontane per rendere omaggio. Questa immagine bibblica è per far capire che se si vuole si può vivere rispettando gli altri nelle loro terre ma anche che ci si può unire contro un male comune!

Speriamo che gli altri governanti non lascino la Francia sola al suo destino attendendo di intervenire solo se si è toccati da vicino, perchè quando e se arriverà quel giorno dimostreremo solo di essere opportunisti! Potrebbe poi rifiutarsi di auitarci la Francia quando noi avremo bisogno. La Francia con l’immigrazione africana incontrollata non ci ha aiutato perchè sapeva che noi stavamo sbagliando e di fatti abbiamo contribuito a complicare il problema non controllando i flussi e non identificando chi stava entrando nel territorio italiano quindi europeo. A maggior ragione dopo che l’ISIS ci aveva già minacciato e rivelato i suoi piani, cioè l’invasione con i disperati dei barconi, non si doveva sottovalutare il problema e prevedere le conseguenze!

Ora abbiamo l’ultima occasione per agire prima che sia troppo tardi…

Viva l’Italia sempre viva!!

Dopo Charlie Hebdo, il supermercato, la centrale del gas ed il treno, l’attacco terrositico di ieri notte altrettanto preciso ed organizzato ma con una forza distruttiva di molto superiore. In Italia mentre continua il rinpallo tra il ministro degli esteri Paolo Gentiloni e il ministro degli interni Angelino Alfano, tra chi dice di stare attenti alle in filtrazioni terroristiche dall’estero e chi risponde che quà va tutto bene… l’unica verità è quella dei fatti successi e che continuano a succedere. Mentre continua la polemica sull’accogliena senza controllo per i diritti umani di tutti… quà continua l’invasione silenziosa d’Italia!

Menomale che quì gli immigrati africani sono solo di passaggio! Peccato però che gli altri Stati d’Europa poi non li vogliono e non li fanno entrare!!

Adesso si parla di prevenzione e di intelligence dopo che li si sono fatti già arrivare sul territorio nazionale, ma la prevenzione migliore non è evitare il “contagio”? Difatti tutti gli altri Stati non li fanno entrare…. e se li fanno entrare prima li “spulciano” molto bene per sapere chi sono!!

Ora in Italia si dice che i terroristi sono persone che già vivevano da anni sul territorio francese e che non sono immigrati, ma quando sono arrivati in Francia anni fà erano anch’essi immigrati fino ad oggi che si sono rivelati terroristi! Qunidi di cosa stanno parlando!! Lì in Francia l’invasione silenziosa è semplicemante iniziata anni fà… Anche se quei cittadini francesi che si sono rivelati dei terroristi dovessero esserlo diventati in seguito, comunque l’invasione di persone di fede islamica è già avvenuta.

E poi con tutte le minacce dirette dell’ISIS rivolte all’Italia che dicono che arriveranno a Roma c’è ancora da avere dei dubbi?!

Voglio ricordare che già quando vi era ancora Papa Giovanni Paolo II vi era un Imam dall’estero che  perannuciava alla televisione l’invasione di Roma…

Speriamo che qualcuno dei governanti apra gli occhi!

Germania, faro d’Europa ed esempio di efficienza, rettitudine ed incorruttibilità inflessibile, al limite dell’umano, si è rivelata come veramente è con tutti i difetti umani di tutti gli altri Stati in Europa!

La Germania che bacchettava e pretendeva radicali riforme degli altri Stati e che sanzionava per le inefficienze e furberie perchè non recepivano le regole dettate dall’Europa (quindi dalla Germania…) entro i termini inflessibili, è stata smascherata!

Il problema è che la Volkswagen non credo che verrà sanzionata pesantemente, come meriterebbe, dagli altri stati europei per la truffa subita perchè tutti temono ritorsioni economiche da parte della Germania che detiene titoli di stato di tutti che potrebbe riscuotere improvvisamente mettendo in difficoltà le casse gli altri Stati così come è successo per l’Italia quando è stato fatto cadere il governo Berlusconi. La Germania potrebbe mettere in atto una speculazione finanziaria di proporzioni bibbliche che metterebbe in ginocchio qualsiasi altro Stato!

Il governo Berlusconi, un governo oramai  scomodo nel parlamento europeo perchè bravo negoziatore che pretendeva il rispetto per l’Italia e proteggeva gli iteressi dell’Italia legittimamente, così come tutti gli altri stati europei proteggono i propi, ma senza farlo a discapito degli altri stati. Come del resto fà la Germania in prima fila influenzando le economie degli altri a vantaggio della propia. Un esempio recente del desiderio egemonico della Germania è il caso Grecia.

Il faro d’Europa si è spento o non è mai stato acceso?!…

Leggi i seguenti articoli:

clicca quì

clicca quì

Di fronte a situazioni problematiche i Governi che non sanno trovare soluzioni generalmente addossano le colpe ai governi precedenti dandogli il demerito dell’attuale situazione per distogliere così l’attenzione dal problema. In altri casi ribaltano la situazione cercando dei motivi per i quali, a dir loro, la situazione presente sarebbe addirittura vantaggiosa quindi il problema non c’è.

La “migrazione selvaggia” ed incontrollata (mischiata con i profughi)  non sapendo come fermarla o almeno arginarla, l’attuale Governo la giustifica e genera dei sensi di colpa etichettando come egoista o razzista a chiunque si opponga e fa appello ai buoni sentimenti di altri per poi ottenerne dell’assenso (=voti).

Addirittura c’è chi trova un vantaggio la migrazione di massa, dicendo che è un aiuto per la crescita zero in Italia (secondo i loro censimenti) per avere dei nuovi contribuenti per le future pensioni degli italiani.

Ma la crescita zero è causata dall’eccesiva pressione fiscale e dai salari non adeguti al costo della vita, i figli costano! Perchè non si sono mai fatte delle politiche per migliorare le condizioni di vita ed economiche dei cittadini in questi ultimi decenni? Anni addietro è stata abolita la “Scala mobile” che adeguava obbligatoriamente i salari all’inflazione che diminuiva il potere di acquisto. Anni addietro  sono stati tolti i calmieri che bloccavano i prezzi per il cibo (ad esempio il pane “comune”), gli affitti della casa (equo canone), del carburante e di tutti i beni di prima necessità. I beni di prima necessità!… Un concetto oramai dimenticato da molti se non da tutti (anche dalla sinistra difensore dei diritti dei lavoratori). Tutto in nome della globalizzazione e della libera concorrenza come negli Stati Uniti d’America. Ma la vita reale non è come nei film americani degli ultimi 70 anni (dal dopo guerra ad oggi) dove tutto è fantasticamente bello e dove la meritocrazia funziona, perchè negli Stati Uniti non ci sono diritti del lavoratore e tutto è privatizzato. Chi non ha il denaro muore semplicemente o di fame o di malattia e non può permettersi l’istruzione adeguata o una casa (da lì i ghetti con le bande giovanili dei film americani, ecc.). E le famose assicurazioni private in America sia previdenziali che sanitarie, non hanno prezzi bloccati a convenienza dei lavoratori, ma sono costose ed i prezzi sono allineati tra tutte le società di assicurazione propio per non farsi concorrenza! Così come tutte le altre società produttrici di beni e sevizi privati come energia, comunicazioni, sanità, istruzione, ecc. Cioè il capitalismo più estremo dove il governo non interviene per condizionare minimemente il mercato a favore dei consumatori!

Come del resto succede ora in Italia per tutte le attività che sono state liberalizzate e privatizzate sia assicurative che telefoniche, petrolifere, acquedotti, elettricità, gas, ecc. sono tutte allineate per guadagnare in ugual maniera, altro che libera concorrenza che fa scendere i prezzi… Far scendere i prezzi significa far diminuire i guadagni e se succede, sicuramente per prima cosa una qualsiai società limita i costi intaccando stipendi e diritti dei lavoratori. I governi democratici di una volta dove il governo garantiva almeno “i beni di prima necesstità” a prezzi acessibili per i meno abbienti e gli stipendi minimi adeguati al costo della vita di fatto in Italia non ci sono più!

E’ stupido pensare che far arrivare dei nuovi “schiavi” dall’Africa o dal resto del mondo possa aiutare l’economia italiana. Dei lavoratori stranieri a costi più bassi e a condizioni contrattuali svantaggiose serve solo ad aiutare le imprese a togliere sempre più diritti ai lavoratori italiani con una concorrenza sleale tra poveri (gli stranieri, più disperati, accettano qualsisi condizione). E se i lavoratori italiani vengono sostituiti, non lavorando quindi non pagando contributi, quale pensione pagata dai nuovi contribuenti (stranieri) volete che gli diano!! E’ solo una farsa!

Negli anni del dopo guerra fino agli anni ottanta la disoccupazione è stata assorbita nell’impiego e amministrazione pubblica dai governi passati (per avere i voti alle elezioni), di quì le battaglie nell’occupazione del settore privato degli anni sessanta settanta per migliorare le condizioni salariali e contrattuali come nel pubblico impiego. Ma il pubblico impiego e la pubblica amministrazione ne ha abusato dei propi diritti e da lì l’inizio delle privatizzazioni e della perdita dei diritti dei lavoratori anche per l’occupazione del settore privato, dato che i contratti sono nazionali (CCNL) e uguali per tutti.

Tutti gli immigrati in Italia dagli anni novanta fino a poco tempo fa non hanno mai usufruito dei vantaggi (vitto, alloggio, vestiario, assistenza sanitaria, ecc.) di cui stanno usufruendo ora i finti profughi, a parte quelli veri che ne hanno diritto e sono molto pochi in Italia… Tutti gli immigrati precedenti hanno semplicemente trovato un lavoro sul territorio italiano e non hanno preteso i documenti per “scorazzare” in Europa come più gli pare e piace perchè l’Italia e la frontiera debole d’Europa!

Nel mondo moderno dopo secoli di storia con scontri, guerre e rivoluzioni si è arrivati faticosamente all’umanesimo poi alla democrazia e il tutto partendo dall’idea del reciproco rispetto e tolleranza per (cercare di) eliminare le differenze di estrazione sociale, sesso, razza , religione, di idea politica, ed altro ancora. Tutti con gli stessi diritti e doveri! Nessun uomo su questa terra può pensare di essere simpatico a tutti come non tutti sono simpatici lui stesso, perchè siamo tutti individui con un cervello ed un carattere diverso dagli altri, siamo tutti “pezzi” unici. Per mettere d’accordo tutti quanti (più si è più è difficile), dato che ogni individuo ha delle esigenze e delle priorità diverse, non rimane che darsi delle regole generali che possono addatarsi un p’ò a tutte le situazioni partendo da quelle frutto di una esperienza ed arrivando a quelle per situazioni ipotetiche.

Tutto ciò che implica una discriminazione (sesso, religione, razza o altra differenza) pende il nome di intolleranza. Certo le differenze non si possono eliminare solo con la teoria ma anche con l’impegno di ogni uno di noi nel ripsettare le regole che ci siamo dati.

La regola generale che più si adatta a tutto e a tutti è: ”La libertà di un individuo termina dove inzia la libertà di un altro” o meglio “Siamo tutti liberi di esprimerci come vogliamo basta non danneggiare gli altri”. Ma questo non basta. Altra regola essenziale è che se qualcuno lede la libertà degli altri o danneggia gli altri, occorre affidarsi ad un arbitro imparziale (qundi un giudice)  che metta d’accordo le parti e stabilisca se ci sono stati dei danni inconsapevoli o consapevoli ed intenzionali o meno, quindi delle responsabilità. Bene, una volta fatte le regole ed una volta istuito chi deve applicarle manca solo chi deve farle rispettare. I poteri di fare leggi, applicarle e farle rispettare sono affidate a tre organismi indipendenti (parlamento, tribunali, organi di ordine pubblico) di modo che si possano autocontrollare a vicenda nel loro operato. Se non sono indipendenti quindi coincidono in uno stesso organismo è una dittatura! Ma la dittatura non vi è solo con la coincidenza dei tre poteri, ma anche se non si può scegliere un governo (ad alternanza) tra i propi rappresentanti in parlamento con una votazione a maggioranza del popolo dello stato! Quei rappresentanti eletti dai vari strati sociali del popolo (nelle votazioni primarie) che nel parlamento si confrontano facendo presenti le rispettive esigenze e che poi faranno le leggi.

Bene, fin quì nella teoria tutto funziona, ma nella pratica?! Gli eletti si presume che poi facciano tutto secondo il principio della “diligenza del buon padre di famiglia” cioè nell’interesse degli altri di cui si è assunto la responsabilità e non nel propio interesse!! Invece puntualmente accade che i rappresentanti del popolo dello stato si aggiudicano autonomamente stipenedi, cariche pubbliche e non, privilegi, ecc. ecc. e che fanno le battaglie, a seconda del clima politico del momento, scegliendosi il “cavallo di battaglia” che può dargli più popolarità per essere eletti (facendo fessi tutti…).

Quindi non rimane che diffidare di tutti e tentare di capire quale può essere tra tutti loro il meno peggio sperando che faccia gli interessi un pò di tutti… anche se solo un pò!

Alla faccia della democrazia!!

 

Da quando è entrato in vigore l’Euro nel 1 gennaio 2002. Il valore delle case è più che raddoppiato, il costo della vita anche! Ci hanno supertassato prima per rientrare nei parametri di Maastricht per poter entrare nella moneta europea, poi ci hanno continuato a tassare per rimanere nella moneta europea! Si presume che l’entrata in Europa  dovesse servire per migliorare la situazione italiana rispetto agli anni prcedenti… Invece la situazione è peggiorata sin dai primissimi anni con il raddoppio del costo della vita. Ma se dopo tredici anni dall’entrata nella moneta europea la situazione economica continua a peggiorare portando l’aumento delle tasse sino al bloccaggio dell’economia ed alla chiusura delle aziende con la conseguente disoccupazione, perchè i politici continuano a dire che questa è la direzione giusta?!! Perchè non cambiano direzione? Hanno avuto cosi tanta determinazione a portarci a questo punto senza chiedere niente al popolo tramite la democrazia diretta (REFERENDUM POPOLARE) che adesso non sanno più come tornare indietro?!! La Grecia è un esempio di come si finirà prima o poi. Non si può pensare che l’aumento delle tasse non habbia un limite fisico oltre il quale non è più possibile pagare. Non si può neanche pensare di vivere ostaggi degli stati con l’economia sempre più forte grazie alle nostre stesse tasse! Il governo sempre più servile verso gli stati più forti ci renderà sempre più schiavi!! Sarebbe ora di liberare la nostra economia da tutti i limiti europei che temono la nostra concorrenza e riniziare a produrre come negli anni ottanta quando l’economia andava bene e tutti stavano obbiettivamente meglio con la Lira italiana.

Clicca qui per vedere il debito pubblico.

Le persone che ottengono la cittadinanza italiana e vengono naturalizzate, godono dei diritti connessi però all’assolvimento di doveri verso l’Italia e non verso se stessi o verso il loro paese di origine!

Ogni nazione ha un governo eletto dal propio popolo che percepisce le tasse dai propi cittadini per poi soddisfarne i bisogni e risolverne le problematiche. Ogni governo del mondo fa gli interessi del propio Stato e dei propi cittadini. Perchè l’Italia si dovrebbe preoccupare degli interessi e problematiche dei cittadini degli altri stati che non hanno contribuito per nulla come se fossero tutti “orfani”? I cittadini degli altri stati devono pretendere risposte e diritti dal propio governo e combattere se necessario come noi combattiamo per i nostri diritti! Allora perchè il governo italiano permette la sovrappopolazione straniera senza alcun controllo? Poi perchè antepone i fabisogni della popolazione straniera ai fabisogni della popolazione italiana? Secondo quale logica il governo italiano governa l’Italia contravvenendo ai fabisogni e le problematiche dei cittadini italiani?! Perchè il governo italiano non si comporta verso i propi cittadini come tutti gli altri governi del resto del mondo?!

Vivere di ideali in un mondo reale, perdendo così il contatto con la realtà, non mi sembra molto producente. Si può dare una mano entro certi limiti, non a tutti e comunque per un limitato periodo di tempo se no diventa quel famigerato assistenzialismo a vita che si diceva sbagliato, solo pochi anni fà, per il sud Italia.

…..Povera Italia!…..

Italia

Prima Charlie Hebdo (Francia) poi il museo del Bardo (Tunisia) ora una località turistica chiamata Sousse (Tunisia), San Quentin Fallavier (Francia), Kuwait City (Kuwait), Lego (Somalia)!

Cosa si aspetta ancora per prendere delle contromisure per salvaguardare la nostra incolumità in Italia?! Già molte volte sono state rivolte delle minacce dirette e molto chiare allo Stato Italiano, ed è stata dichirata più volte l’intenzione di voler invadere il territorio italiano da parte dell’ISIS. Più volte i jihadisti hanno detto che ci avrebbero invaso con il flusso dell’immigrazione clandestina sui gommoni. Le forze dell’ordine hanno già denunciato che una grande percentuale dei migranti che sbarca dai gommoni si rifiuta di dare le propie generalità e le propie impronte digitali, senza poterli tralaltro obbligare per la legge italiana garantista…  Cosa altro aspetta il governo italiano a reagire e pianificare delle contromisure?! Questi non sono degli episodi isolati di psicolabili, ma è un attacco militare molto ben organizzato da parte di una fazione terroristica con molte risorse economiche, tecnologiche ed umane! Contro “cosa” dovremmo combattere è molto ben documentato attraverso i giornali, telegiornali, reportage e tutti i mass media. Il più grande pericolo che stiamo correndo è quello di non percepire il pericolo stesso sopiti da una falsa sensazione di sicurezza data dall’intangibilità. Tutto passa attraverso i mass media (per ora) quindi tutto pare molto lontano, quasi irreale. Solo quando si avrà un contatto fisico diretto allora si percepirà il pericolo come tangibile in tutta la sua grandezza, ma sarà troppo tardi per reagire…! Il terrorismo islamico si serve dei “foreign fighters” che sono dei cittadini o migranti simpatizzanti della causa jihadista, quindi dei civili che fanno parte del tessuto sociale difficilmente localizzabili e riconoscibili. Quanti sedicenti profughi senza impronte digitali dobbiamo ancora accogliere prima che diventi un “esercito” con superiorità numerica al nostro?! Sarò paranoico ma da come viene gestita la faccenda immigrazione “selvaggia” non mi sento del tutto tranquillo! Ricordiamoci che i migranti non arrivano solo con i gommoni ma anche via terra dall’est europeo, dato che coloro che sono di fede islamica e sono simpatizzanti della jihad non sono solamente di origine araba. La fede islamica è diffusa in tutto il mondo e può trovare simpatizzanti ovunque. I foreign fighters sono dei miliziani (mercenari) aruolati ovunque nel mondo o che decidono autonomamente di diventare delle cellule terroristiche indipendenti, detti “lupi solitari”. Così come in questi giorni durante il Ramadan è stato fatto un appello a tutto il mondo islamico esortando tutti i musulmani a “conquistare e scegliere il martirio” diventando così “foreing fighter”! Bene, anzi male, come si è visto l’appello non è rimasto inascoltato!

Clicca qui per vedere dei dati inerenti i foreign fighter nel mondo.

Clicca qui per vedere cosa è l’ISIS.

Clicca qui per vedere notizie sull’appello di Abu Bakr Al Baghdadi.

ItaliaAvesse fatto una legge di sinistra da quando è al governo con tutte le leggi a favore dei padroni di impresa facendo perdere sempre più diritti ai lavoratori italiani!

Non ha saputo dare nessuna risposta al popolo italiano ne sul piano della ripresa economica, facendo leggi per agevolare le vendite all’estero dei prodotti italiani ecc., ne sul piano dell’immigrazione “selvaggia” (non regolamentata) addossando la colpa dell’inavasione africana all’Europa… Tutti gli stati europei e non che si affacciano sul Mare Mediterraneo hanno sparato respingendo gli “scafisti” noi no! Anche sul piano interno la sicurezza fa acqua dappertutto, nessuna certezza della pena, occupazioni abusive degli immobili, furti a mano armata, ecc. Ha saputo solo essere servile con l’Europa assecondando tutte le sue richieste andando contro gli interessi degli italiani, come i due precedenti governi PD!! L’Europa ci prende e continua a prenderci ingiro…

Speriamo che ora chi verrà farà qualcosa di meglio… chi “vivrà vedrà”! Se no almeno ci avremo provato!!

Dopo più di tre anni di sospensione della democrazia da parte del presidente Giorgio Napolitano (con due mandati consecutivi dal 2006 al 2015) che ha nominato tre governi del PD consecutivi (Mario Monti, Enrico letta, Metteo Renzi) senza risultati, come se tutte le risposte giuste le avesse avute propio il PD, finalmente siamo di nuovo padroni del nostro destino con le elezioni!! Almeno speriamo di poter andare alle elezioni….

Comunque sempre “Viva l’Italia”!!

Integrazione cosa significa e da chi deve partire?!

Integrazione significa, generalmente, inserire qualcuno in una società che si omogeneizzi con gli altri individui e che sia in armonia con essi. Come deve avvenire l’ integrazione? Estrapolerò paragrafi di un precedente articolo da me scritto, per non ripetermi nei concetti, intitolato “Invasione?!”. Questi concetti sono generali e valgono per tutte le culture ospiti.

Il problema è che una cultura è “padrona di casa” e l’altra è ospite e quella ospite pretende (non chiede!) il diritto di avere il propio spazio (in ogni apetto) in casa dell’atro. Ma chi si deve integrare, la cultura ospite o quella di casa?! Chi deve accettare il modo di vivere dell’altro ed integrarsi?

Lo Stato ha pensato, prima di ospitare, a tutte le conseguenze socio culturali dell’integrazione e se ci sono effettivamente le risorse sia economiche che materiali da poter condividere con gli ospiti? Lo Stato ha pensato se chi vuole essere ospitato è perchè gli piace il nostro modo di vivere e lo accetta senza riserve oppure pensa di rifarsi un suo “piccolo mondo” uguale così com’è la da dove viene? Lo Stato ha pensato, prima di ospitare, se tutti i cittadini italiani sono disposti ad accettare e subire tutte le eventuali conseguenze dell’immigrazione di massa?

Generalmente mi pare che pochi lasciano il propio paese perchè vogliono cambiare modo di vivere così come lo faremmo noi italiani, perchè solo noi italiani siamo abituati a “sputare” sul nostro paese e pensare che gli altri siano sempre meglio del nostro. Mi pare invece che molti altri lasciano il propio paese perchè vorrebbero trovare un luogo per realizzarsi allo stesso modo come lo farebbero nella terra natia che non glielo ha permesso! Una seconda chance per realizzare lo stesso sogno in un luogo diverso… Un grave errore di valutazione pensare di poter avere gli stessi presupposti socio culturali in un luogo diverso perchè è anche un “mondo” diverso, da parte di chiunque lo pensi!

Nessun italiano emigrato ha potuto relizzarsi in altro luogo senza rispettare ed accetare il modo di vivere locale e quindi integrarsi! Chi si è ostinato a voler pensare e vivere così come lo faceva nel propia terra ha sempre vissuto emarginato e non integrato, ovunque fosse.

Lo Stato ha pensato se effetivamente vi era un guadagno, qualunque esso sia, ad aprire le porte indiscrimanatamente al mondo senza regole sull’immigrazione? Anche perchè chi è immigrato qui non viene generalmente dalla parte del mondo ricca ma da quella povera, di conseguenza non poteva dare un contributo ma al contrario poteva solo chiedere un contributo di solidarietà. Solidarietà, che come tutte le cose, si traduce sempre in costi di denaro pubblico e non solo denaro, in questo caso! Questo non era una sorpresa perché già si vedeva chi stava “bussando alla nostra porta”. Ragionando in scala ed in maniera ipotetica, ogni uno di noi nel propio appartamento ospita qualcuno se ha voglia di accollarsi i problemi degli altri e rinunciare alla propia privacy, se ne ha la possibilità economica, se ha lo spazio vitale in casa per tutti. Se non vi sono questi persupposti non si ospita nessuno. Allora lo Stato italiano, ragionando in modo macroscopico, perchè ha obbligato i cittadini italiani a subire la presenza di altri non invitati? Perchè ha fatto finta di risolvere l’immigrazione illegale legalizzando con delle sanatorie chi è rimasto illegalmente sul nostro terrirtorio? Forse perché non sapeva come tenere chiuse le porte e allora ha fatto in modo di risolvere il problema legittimando l’illegittimo?!

Ora ci troviamo ad uno scontro culturale fuori dal nostro controllo che nessuno sa più come gestire perchè si ha paura di offendere la sensibilità dell’ospite ed essere facilmente additato come razzista o antidemocratico qualunque cosa dica o faccia. Non si può più neanche pretendere che l’ospite rispetti le regole locali perché se no è discriminatorio verso la razza o religione o altre differenze oggettive. Di conseguenza l’ospitalità dimostrata è stata travisata dall’ospite come debolezza che incalza sempre più il “padrone di casa”.

Ma le regole chi le fa il “padrone di casa” o l’ospite? Il “padrone di casa” dimostra la propia ospitalità all’ospite offrendogli la possibilità di convivere in casa propia se accetta le propie regole e dimostra comprensione per gli errori che può commettere l’ospite non abituato. L’ospite invece dovrebbe dimostrare di adeguarsi alle regole locali meritando quindi l’ospitalità dimostratagli. Se l’ospite non trova naturale accettare le regole locali perchè troppo distanti dal propio modo di “vedere il mondo” può tornare nel luogo di origine dove le regole sono le propie per natura sin dalla nascita.

Si può dare per scontato che viva secondo le tue stesse regole solo chi ha la tua stessa naturale concezione del mondo e non da chi non ce l’ha! Non si può pensare che chi non ha la tua stessa concezione del mondo segua le tue regole solo perchè esistono, semplicemente perché per egli non sono naturali!

In altre parole “l’integrazione”, cioè la volontà di essere integrato, deve nascere spontaneamente dall’individuo ospite e non da chi lo ospita che può solo concedere la possibilità all’individuo ospite di essere accettato se accetta il modo di vivere locale con le sue regole adeguandosi. Nessuno può pensare che si possa far cambiare gli altri a propio piacimento. Quindi le persone se non rispondono al propio modo di vivere o le si tengono così come sono con tutte le differenze e gli scontri inevitabili che ne conseguiranno o le si fanno tornare nel propio luogo di origine dove tutto è più vicino alla loro propia naurale concezione della vita.

Ogni nazione del mondo ha un governo che fa gli interessi dei propi cittadini che in cambio contribuiscono con le tasse per la collettività. Ogni governo del mondo pensa all’economia, alle problemetiche ed alle tensioni sociali del propio popolo. Ogni nazione del mondo protegge la sovranità del propio territorio.

ItaliaOgni volta che si parla di interventi nel Nord Africa per la difesa del nostro paese o per far terminare gli sbarchi clandestini sulle nostre coste c’è sempre qualcuno, come questa sera al telegiornale, che deve colpevolizzare l’Italia stessa come se fosse l’origine dei propi problemi. Per esempio frasi come -…l’Italia vende armi all’estero ed incrementa così i conflitti! Deve finire questo commercio…- . L’Italia al limite vende e ha venduto armi obsolete agli stati stranieri quindi agli eserciti regolari stranieri così come l’Italia anche le compra nuove da altri stati. Comunque in quale filmato telegiornalistico o reportage si è mai visto un fucile automatico beretta o una pistola beretta (quinidi di costruzione italiana) o carro armato leopard o altro armamento di costruzione anche solo europea in Iraq, Siria, Libano, ecc.?! In tutti i filamati sia in mano alle truppe regolari che in mano ai ribelli piutosto che ai terroristi le armi che si sono sempre viste sono fucili automatici kalashnikov, carri armati T72, lanciarazzi anticarro RPG, fucili di precisione SVD dragunov, ecc. ma sempre e solo tutte armi di costruzione russa!! Ma di che parlano i politici Italiani se non capiscono neanche quello che vedono ed ascoltano in TV tutti i giorni da annni e anni?! I giornalisti in più occasioni hanno descritto le armi in mano hai terroristi e ribelli. E poi con tutti i film di azione che si vedono in TV chi ancora non distingue un kalashnikov da altre armi… E’ ora di finirla con la retorica spicciola per acquisire consenso popolare per le elezioni ed è ora di fare qualcosa di concreto per lo stato e quindi per la sicurezza dei cittadini che li pagano!!

ItaliaPer tutte le nefandezze commesse dai cristiani contro altri cristiani piutosto che contro altri uomini di qualsiasi razza o credo religioso nel corso della storia, le auotorità religiose cristiane e per primo il Sommo Pontefice di turno ( il Papa) hanno sempre condannato simili gesti come anticristiani lanciando innumerevoli “moniti” a difesa della vita umana e del rispetto verso il prossimo!!

Alla luce di tutto ciò che sta accadendo nel mondo ora riguardante la persecuzione cristiana da parte dell’estremismo islamico, perchè le autorità religiose islamiche non condannano le nefandezze che stanno commettendo gli estremisti islamici in nome della religione ora così come le hanno condannate le autorità cristiane a suo tempo anche contro i mussulmani?! Perchè le autorità religiose islamiche non prendono ufficialmente una posizione davanti agli occhi del mondo prendendo le distanze dagli orrori che si stanno consumando nel Nord Africa (ed anche in altri luoghi del mondo) che sono degli ovvi crimini contro l’umanità e non dicono che tutto ciò non può essere in nome della religione?!

Io vorrei una risposta logica!! Se ne avete una……. Ma io credo che non ne abbiate.

La domanda non è certo rivolta ai cristiani!!!!!! Spero in una risposta logica almeno per avere una dimostrazione che mi sto sbagliando.

Italia

 

 

 

 

Se questo è un esempio degli interlocutori per un eventuale dialogo per la pace nel mondo allora siamo “FOTTUTI”!

Clicca su questi link:

http://youtu.be/xc-lQ6vas4E

Lasciti e testimonianze di civiltà antiche ormai estinte che minaccia potrebbero essere? Occorrevano solo per conoscere chi siamo e da dove proveniamo nella storia dell’umanità. Quali sono le radici dell’uomo e quali sbagli ha commesso per non ripeterli.

 http://youtu.be/I1dpLUcUUo0

Il rifiuto più totale dell’evidenza scientifica e del mondo di oggi. Sono stati spesi decine di miliardi di dollari, euro e rubli, in missioni spaziali per fare fografie dallo spazio per convalidare senza ombra di dubbio ciò che era una teoria. Galileo Galilei ne fece anche le spese difronte alla Santa inquisizione medioevale (inquisito per eresia e condannato dalla Chiesa Cristiana per le sue teorie scientifiche contrastanti con la filosofia teologica ufficiale del tempo).

Con interlocutori così tanto ottusi non credo si possa avere un gran dialogo. Il mondo occidentale ha superato l’epoca medioevale separando la religione dalla politica, dal governo e dalla scienza più di cinquecento anni fà (attraversando un periodo “buio” e sanguinoso). Il periodo medioevale è durato circa 1000 anni (dal V sec.dC al XV sec.dC). Possiamo attendere altri 1000 anni che anche il resto del mondo si sviluppi e superi il propio medioevo? Non credo! Il pericolo immediato è grande ed aldilà degli orrori commessi tra la Siria, Iraq, Libia, ecc. si chiama “destabilizzazione mondiale”. Destabilizzare il mondo occidentale per trascinarlo suo malgrado in un conflitto (estremamente sanginoso, tanto quanto la seconda guerra modiale) per poi colonizzarlo con il nuovo regime islamista riportandolo al medioevo. Si potrà scegliere la via della diplomazia evitando interventi armati come vorrebbero molti governi? SPERIAMO! Ma ci credo poco… Le intenzioni e l’obbiettivo finale sono stati annuciati ben chiaramente dai Jihadisti, non credo abbiano inziato una guerra contro il mondo con tanta determinazione per poi fare la pace e tornarsene a casa… Il conflitto si sta espandendo veloce come il vento, varca e travolge i confini degli stati come niente. Speriamo di essere altrettanto veloci a fare  la cosa migliore per arrestare l’avanzata del fronte nemico!! Fare finta di niente e distrarre l’opinione pubblica per evitare il panico generale non mi pare la soluzione al problema. Anche perchè il problema non si risolverà da solo semplicemente lasciano passare il tempo. Si deve “prendere il toro per le corna” e fare ciò che deve essere fatto! Più il tempo passa più il nemico si rafforza trovando nuovi seguaci e meglio si organizza! Necessita una azione rapida, precisa e decisa, con tutta la forza senza ripensamenti. Il nemico non si apsetta di essere preso in contropiede con così tanta decisione e forza, potrebbe essere travolto sfruttando l’elemento sorpresa perchè ora è sicuro di se e si è adagiato sui propi successi riscossi finora in battaglia. Bisogna stroncare sul nascere simili fenomeni che come il cancro si espandono fino a generare metastai diffuse non più curabili. Bisogna difendere ciò che i nostri padri ci hanno lasciato in eredità e che si sono guadagnati col sudore, sofferenze e sangue, per non perderlo e non rendere vani gli sforzi fatti da loro per noi figli. Uno dei comandamenti recita: “Onora il padre e la madre”. Gesù ci ha insegnato a porgere l’altra guancia e ad amare gli altri, ma io sono si un cristiano ma non per questo sono un santo. A me piace la pace e non trovo nessun guadagno nella guerra perchè distruttiva per tutti e tutti hanno da perdere. Non ho mai fatto del male a nessuno intenzionalmente a meno che non sia stato per difendermi, ed ora è un altro di quei momenti dove bisogna difendersi!

Vedi link:

http://notizie.tiscali.it/cronaca/feeds/15/02/28/t_98_ADN20150228162041.html?cronaca

http://notizie.tiscali.it/articoli/cronaca/15/03/02/algerino-napoli-testo-on-line-italiano.html

http://notizie.tiscali.it/esteri/feeds/15/02/22/t_94_ADN20150222153802.html

http://notizie.tiscali.it/articoli/cronaca/15/02/18/mercenari-libia-isis.html

http://notizie.tiscali.it/esteri/feeds/15/02/18/t_02_20150218_000019.html

Che il buonsenso degli uomini abbia la meglio sulla follia! Se così non fosse allora confidiamo nel Signore!… In ultimo se neanche il Signore ci aiuta per qualche colpa che gli uomini hanno, allora non ci resta che affrontare il problema con tutto il coraggio che si può e resistere! Arriverà un giorno che espieremo le nostre colpe e rientreremo nelle grazie del signore.

http://notizie.tiscali.it/articoli/interviste/15/02/libia-isis-generale-arpino-intervista.html

Italia

Ultimamente in Italia, dopo l’attacco terroristico a Parigi, non si parla più dell’argomento terrorismo islamico o lo si minimizza perchè scomodo. Si distoglie l’attenzione dell’opinione pubblica con altri problemi interni sulla diatriba tra partiti politici e leggi elettorali. Il terrorismo è un problema spinoso e non di facile soluzione, ma fare finta che non c’è non lo risolve… In più trattare il problema terrorismo significherebbe dover risolvere altri problemi correlati (tralasciati nel tempo) molto spinosi come l’immigrazione incontrollata, le leggi sulle moschee, il crocefisso cristiano esposto nelle scuole pubbliche, ecc. tutto ciò che chiama ad un confronto diretto fra due culture, molto diverse, che devono convivere.

Il problema è che una cultura è “padrona di casa” e l’altra è ospite e quella ospite pretende (non chiede!) il diritto di avere il propio spazio (in ogni apetto) in casa dell’atro. Ma chi si deve integrare, la cultura ospite o quella di casa?! Chi deve accettare il modo di vivere dell’altro ed integrarsi?

Lo Stato ha pensato, prima di ospitare, a tutte le conseguenze socio culturali dell’integrazione e se ci sono effettivamente le risorse sia economiche che materiali da poter condividere con gli ospiti? Lo Stato ha pensato se chi vuole essere ospitato è perchè gli piace il nostro modo di vivere e lo accetta senza riserve oppure pensa di rifarsi un suo “piccolo mondo” uguale così com’è la da dove viene? Lo Stato ha pensato, prima di ospitare, se tutti i cittadini italiani earno disposti ad accettare e subire tutte le eventuali conseguenze dell’immigrazione di massa?

Generalmente mi pare che pochi lasciano il propio paese perchè vogliono cambiare modo di vivere così come lo faremmo noi italiani, perchè solo noi italiani siamo abituati a “sputare” sul nostro paese e pensare che gli altri siano sempre meglio del nostro. Mi pare invece che molti altri lasciano il propio paese perchè vorrebbero trovare un luogo per realizzarsi allo stesso modo come lo farebbero nella terra natia che non glielo ha permesso! Una seconda chance per realizzare lo stesso sogno in un luogo diverso… Un grave errore di valutazione pensare di poter avere gli stessi presupposti socio culturali in un luogo diverso perchè è anche un “mondo” diverso, da parte di chiunque lo pensi!

Nessun italiano emigrato ha potuto relizzarsi in altro luogo senza rispettare ed accetare il modo di vivere locale e quindi integrarsi! Chi si è ostinato a voler pensare e vivere così come lo faceva nel propia terra ha sempre vissuto emarginato e non integrato, ovunque fosse.

Lo Stato ha pensato se effettivamente vi era un guadagno, qualunque esso sia, ad aprire le porte indiscrimanatamente al mondo senza regole sull’immigrazione? Anche perchè chi è immigrato qui non viene dalla parte del mondo ricca ma da quella povera, di conseguenza non poteva dare un contributo ma al contrario poteva solo chiedere un contributo di solidarietà. Solidarietà, che come tutte le cose, si traduce sempre in costi di denaro pubblico e non solo denaro, in questo caso! Questo non era una sorpresa perché già si vedeva chi stava “bussando alla nostra porta”. Ragionando in scala ed in maniera ipotetica, ogni uno di noi nel propio appartamento ospita qualcuno se ha voglia di accollarsi i problemi degli altri e rinunciare alla propia privacy, se ne ha la possibilità economica, se ha lo spazio vitale in casa per tutti. Se non vi sono questi persupposti non si ospita nessuno. Allora lo Stato, ragionando in modo macroscopico, perchè ha obbligato i cittadini italiani a subire la presenza di altri non invitati? Perchè ha fatto finta di risolvere l’immigrazione illegale legalizzando con delle sanatorie chi è rimasto illegalmente sul nostro terrirtorio? Forse perché non sapeva come tenere chiuse le porte e allora ha fatto in modo di risolvere il problema legittimando l’ illegittimo?!

Ora ci troviamo ad uno scontro culturale fuori dal nostro controllo che nessuno sa più come gestire perchè si ha paura di offendere la sensibilità dell’ospite ed essere facilmente additato come razzista o antidemocratico qualunque cosa dica o faccia. Non si può più neanche pretendere che l’ospite rispetti le regole locali perché se no è discriminatorio verso la razza o religione o altre differenze oggettive. Di conseguenza l’ospitalità dimostrata è stata travisata dall’ospite come debolezza che incalza sempre più il “padrone di casa”.

Ma le regole chi le fa il “padrone di casa” o l’ospite? Il “padrone di casa” dimostra la propia ospitalità all’ospite offrendogli la possibilità di convivere in casa propia se accetta le propie regole e dimostra comprensione per gli errori che può commettere l’ospite non abituato. L’ospite invece dovrebbe dimostrare di adeguarsi alle regole locali meritando quindi l’ospitalità dimostratagli. Se l’ospite non trova naturale accettare le regole locali perchè troppo distanti dal propio modo di “vedere il mondo” può tornare nel luogo di origine dove le regole sono le propie per natura sin dalla nascita.

Gli episodi di terrorismo accaduti invece dimostrano tutt’altro dell’accettazione del modo di vivere degli altri popoli, ma al contrario dimostrano una volontà di sopraffazione degli altri popoli e desiderio di cancellazione degli altri modi di vivere. Dimostrando la mancanza della concezione purché minima di voler CONVIVERE e lasciar vivere come si vuole gli altri, così come lo concepisce  l’occidentale.

Si può dare per scontato che viva secondo le tue stesse regole solo chi ha la tua stessa naturale concezione del mondo e non da chi non ce l’ha! Non si può pensare che chi non ha la tua stessa concezione del mondo segua le tue regole solo perchè esistono, semplicemente perché per egli non sono naturali!

Secondo la più elementare delle regole di mercato l’offerta è condizionata dalla richiesta. Se non c’è richiesta non si può proporre una offerta perchè non verrebe acquistata da nessuno. Un’altra regola del mercato è che (in un “business” già avviato) il prezzo  di un bene o servizio varia in base alla richiesta ed anche all’offerta. Vale a dire che se vi è più offerta che richiesta il prezzo diminuisce ed al contrario se vi è più richiesta che offerta il prezzo aumenta. Quindi il mercato si dovrebbe autoregolamentare ( in teoria!) e la libera concorrenza far diminuire i prezzi ( in teoria!).

Partendo da ciò, quello che dovrebbe fare un governo per far ripartire l’economia bloccata (recessione) di un paese è agevolare il consumatore (che è la richiesta) in teoria… Il consumatore chi è? Noi tutti! Noi siamo oltre che lavoratori che producono l’offerta, siamo anche i consumatori.

Fin qui tutto funziona, sempre nella teoria. Ma cosa bisognerebbe fare a livello pratico?

Abbassare le tasse, dirette e indirette, come l’IVA (Imposta di Valore Aggiunto)  che grava interamente sul consumatore finale su tutti gli acquisti di beni e servizi o l’IRPEF (Iposta sul Reddito delle Persone Fisiche) e tutte le addizionali municipali e comunali che gravano su tutti i lavoratori a stipendio fisso (che certo non hanno possibilità di evadere le tasse). Queste due tasse sono quelle che più influiscono direttamente sul costo della vita ed il potere di acquisto. Poi vi sono anche altre tasse sulle propietà (casa e terreni ecc.), sui carburanti, sui trasporti, sulla sanità e molte altre! Ma anche la tassazione sul reddito di impresa influisce sui prezzi, perchè il prodotto finale (che sia un bene o un servizio) partendo fin dalla materia prima ha dei costi di produzione. I costi di produzione sono la mano d’opera (stipendio del lavoratore con l’IRPEF e tutte le altre tasse in busta paga), la materia prima o parzialmente lavorata, i mezzi di produzione (macchine industriali), l’energia per il funzionamento dei mezzi produttivi, acqua, terreni, edifici, trasporti e tutto ciò che occorre ad una azienda per la produzione di beni. Per la produzione dei servizi similmente occorrono risorse umane (stipendio impiegati con la solita IRPEF e tutte le altre tasse in busta paga) edifici, uffici, computer, stampanti, connesioni telefoniche e internet, energia elettrica, carta e tutto ciò che occorre per erogare il servizio.

Quindi l’obbiettivo dovrebbe essere abbassare il costo della vita per poter aumentare così il potere di acquisto, specialmente per chi è a stipendio fisso e non può adeguare il propio guadagno a piacimento (come fanno le aziende aumentando i costi dei prodotti per adeguare il propio ricavo). Più potere di acquisto significa più consumi, più consumi significa più richiesta e più richiesta più produttività di beni e servizi, più produttività significa più posti di lavoro! Il cerchio così si chiude…

Ma cosa fa il Governo? Sottrae risorse con tasse su tasse bloccando ulteriormente l’economia per preservare la propia sopravvivenza! Invece di diminuire i guadagni dei politici li aumenta come aumenta i rimborsi e le esenzioni e tutto per adeguarli al costo della vita. Vara leggi, che invece di diminuire la pressione fiscale sui ricavi di impresa e sui guadagni personali, mettono le imprese in condizioni di poter licenziare liberamente se la produttività individuale diminuisce (ART. 18). Leggi che permettono di assumere a tempo determinato per tutta la vita (precariato) il lavoratore così da impiegarlo solo al bisogno. Leggi che permettono di pagare meno il lavoratore e di fargli perdere i bonus acquisiti in passato (superminimo assorbibile). Tutte leggi che agevolano la disoccupazione!

Ma come!! Ai lavoratori diminuiscono gli stipendi e garanzie (diritti del lavoratore) e la classe politica se li adegua a piacimento per il costo della vita?! Non è un grande esempio di onestà e correttezza verso i cittadini che pagano con le tasse il loro stipendio… (vedi questo URL http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/1133504/Napolitano-si-alza-lo-stipendio–Uno-schiaffo-agli-italiani.html ) Per non parlare delle pensioni. Dopo aver pagato tasse tutta la vita per avere anche una pensione, finalmente arrivati al traguardo, viene tassata nuovamente la pensione! Ma la pensione non è il frutto di tasse già pagate?! (vedi questo URL http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/04/14/pensioni-lallarme-di-mastrapasqua-se-stato-non-paga-inps-a-rischio/562151/ )

Non solo. Il Governo Liberalizza il costo del carburante (con tutte le accise=tasse) , le assicurazioni, le banche, le telecomunicazioni, il prezzo dell’acqua, ecc. Tutto in nome della liberalizzazione per la libera concorrenza. Ma da quando lo Stato ha lasciato il controllo al mercato libero di tutte queste attività non mi pare che i prezzi siano diminuiti al contrario sono aumentati! Ma allora la libera concorrenza non funziona! Per chè?! Perchè le grosse aziende (e multinazionali) si mettono d’accordo per non farsi concorrenza se no i loro guadagni diminuiscono!! Questa non è una novità, il  problema del monopolio di un settore produttivo è nato già con Rockefeller (vedi questa piccola biografia su questo URL http://it.wikipedia.org/wiki/John_Davison_Rockefeller ) per questo sono nate le leggi “antitrust”. Se esistono delle leggi significa che il problema è già noto (vedi questo URL http://www.professionisti.it/enciclopedia/voce/1889/Antitrust ) ed è già noto anche il fatto che non è facile far rispettare queste leggi perchè non è facile provare le accuse. E quindi…?

Non contento, il Governo Privatizza anche le aziende di stato; le comunicazioni telefoniche, le poste, le ferrovie, le autostrade, ed anche l’energia (ENI ed ENEL) ecc. e vorrebbe anche privatizzare la sanità, scuola statale e le pensioni…

Il Governo si è disfatto della gestione delle aziende di stato non per la libera concorrenza ma perchè non è in grado di gestirle in modo profiquo e di ottenere dei bilanci positivi. Praticamente ha tagliato tutte le uscite e si è tenuta solo le entrate, le TASSE! Ma le tasse non sono dovute dalla comunità per il bene di tutti, per poi ottenere dei servizi pubblici in cambio (pensioni, sanità, scuole, ospedali, strade, autostrade, acquedotti, energia, poste, telecomumicazioni, ecc.) ?! Ma se i servizi sono tutti privatizzati allora la pressione fiscale oltre il 50% a che serve? Solo per gli stipendi della classe politica e dei manager della Pubblica Amministrazione?

Le politiche per il commercio, per le esportazioni ed importazioni, per l’agricoltura, per la pesca, per il turismo, per la preservazione del patrimonio archeologico e artistico, per perservare l’ambiente, per agevolare la produzione, le politiche fare più posti di lavoro vere dove sono? Le politiche per eliminare gli sprechi della Pubblica Amministrazione come gli appalti pubblici dati ad imprenditori amici e parenti dei politici dove sono? Le politiche che devono eliminare più incarichi con più stipendi ai politici che praticano l’assenteismo alle camere dove sono? Un sola cosa Mario Monti ha detto giusta in tutto un anno e mezzo (quasi) di governo, – come posso chiedere agli italiani di fare altri sacrifici se noi politici non li vogliamo fare per primi? -. Ancora stiamo aspettando che si parli di ridurre i compensi dei politici e il numero dei politici stessi alle camere così da limitare il costo della classe politica. Senza contare le pensioni d’oro più tutti i bonus a vita per chi è stato al governo per qualche anno… Ad esempio ora abbiamo un nuovo senatore a vita Giorgo Napolitano con pensione d’oro e tutti gli annessi in buona compagnia di Mario Monti, nominato senatore a vita da Napolitano stesso ( vedi questo URL http://it.wikipedia.org/wiki/Mario_Monti ) . Io come tutti i cittadini invece devo lavorare almeno quaranta anni per avere una pensione non certo d’oro e anche tassata… sempre se riuscirò a prenderla prima di morire.

L’unica e solita “ricetta” per risolvere i problemi degli Italiani, qualsiasi sia il Governo, è sempre la stessa aumentare le TASSE!  Chiedere altri sacrifici ai cittadini perchè siamo quasi ad un traguardo… che non arriverà MAI!!

Menomale che l’attività politica la si fa per buoni sentimenti e nell’interesse della patria e dei cittadini e non per il propio tornaconto…

P.S.: Per visualizzare i vari URL fai clic sui link.

Io sono di fede cattolica anche se non praticante per “pigrizia”, il che è già un peccato! Non sono neanche molto informato sulle altre fedi. Però so che esistono fedi che hanno una interpretazione diversa della Bibbia di quella cattolica. So che alcune fedi come il Buddismo o il Confucianesimo non sono delle religioni ma piutosto delle filosofie di vita. So che alcune altre fedi di tipo religioso monoteistico pregano anch’essi un Dio chiamato con altri nomi. Un Dio onnipotente che ha il merito del creato intero compreso l’uomo, inteso come essere umano indipendentemente dal sesso, razza o fede.

Tutte le fedi religiose o filosofiche hanno principalmente dei punti di incontro, che sono le regole divine per l’uomo. Regole  che dovrebbero far comprendere il rispetto degli uomini verso il creato ( terra, cielo, mare, animali, vegetali, ecc.) che è il giardino dove viviamo, il rispetto verso la vita umana, il rispetto di regole per la convivenza tra gli uomini e naturalmente il rispetto verso il Creatore stesso, che giudica il nostro operato in vita e che è l’unico che può togliere la vita all’uomo così come l’ha data. In tutte le fedi nessun uomo può sostitursi a Dio. Ancora meno l’uomo può giudicare altri uomini perchè nessuno di noi può vedere la reale intenzione che vi è nel cuore degli uomini, ma solo il gesto che compie. Quindi il processo alle intenzioni è molto arduo e può facilmente indurre in errore noi uomini ma non il Creatore. Il Creatore poi quando avrà al propio cospetto l’anima di ogni uomo valuterà tutta la sua vita in terra facendo un bilancio di tutte le sue opere buone e cattive senza errori. L’uomo ha bisogno di regole divine perchè imperfetto fin dall’origine come lo sono stati a loro volta “Adamo ed Eva”. L’uomo non è onniscente come lo è solo Dio.

Ma se in tutte le fedi nessuno può sostituirsi a Dio, qualunque nome gli diamo, può esistere una religione che ha come insegnamento il giudizio di uomini su altri uomini che poi infliggono la punizione divina? Che abbia come precetto l’uccisione di un altro uomo perchè non crede in quel Dio piutosto che un altro? Che dia come ricompensa un posto in paradiso se promuove violenza e guerra per avere come ultimo obbiettivo una onorevole morte in battaglia per la religione stessa?

La parola “religione” significa rilegare, riunire, riavvicinare. Nel caso specifico riavvicinare l’uomo col divino attraverso degli insegnamenti che possono essere degli esempi (parabole) o narrazioni (anedoti) da prendere nel tempo e contesto antico dove erano state scritte da altri uomini e tradurle per il nostro tempo. L’interpretazione dei testi sacri che sono arrivati oggi a noi  hanno subito innumerevoli passagi dalle mani di alcuni nelle mani di altri e sono state riscritte e ritradotte adattandole alle varie epoche tanto che molte informazioni e significati si sono perse nel tempo. Ed ogni riscrittura è stata fatta nell’intendimento soggettivo degli uomini (imperfetti). Senza contare che le successive traduzioni sono state fatte da lingue antiche con parole e dei “modi di dire” che hanno dei significati oramai persi nel tempo. Quindi si può solo immaginare come fosse il mondo e la vita degli uomini di allora. Nessun testo sacro di nessuna religione è mai stato scritto per mano di un Dio ma sempre trascritto da uomini (imperfetti). Come si può quindi prendere sicuramente per buono ed alla lettera tutto ciò che vi è in un qualisiasi testo sacro? Anche perchè l’interpretazione è sempre soggettiva!

Secondo una mia soggettiva interpretazione della parabola di Adamo ed Eva, il peccato è stato la presunzione. Essi creati da Dio a propia immagine con una vita perfetta perchè illimitata, senza fatiche e tribulazioni (e tutto ciò affligge noi mortali) in un mondo perfetto (eden) dove tutto era in armonia ed era stato creato esclusivamente per soddisfare tutte le loro esigenze non è bastato, perchè essi che già conoscevano il bene e la perfezione hanno voluto conoscere anche il “male” (racchiuso nell’immagine della mela, andando contro l’ordine di Dio di non toccarla), per diventare onniscenti come Dio! La presunzione è stata questa, diventare come Dio così come vorrebbero esserlo oggi molti uomini e di sostituirsi a Lui. Di qui Adamo ed Eva sono stati condannati da Dio all’ imperfezione perchè hanno sbagliato disubbidendo ad un ordine divino. La mia personale interpretazione sarà giusta o sbagliata? Dipende in parte da quanto sia profonda la mia conoscenza della materia, dalle mie capacità deduttive e di ricercatore ed in parte da quanto consenso riscuote negli altri… Ma gli altri se non hanno la possibilità o capacità di conoscere profondamente una materia e di fare le giuste analisi, si affidano a chi pensano ne sappia più di loro. Allora la fede ceca la si ripone in un Dio e una religione o in un uomo che si pensa ne sappia più degli altri (sperando che abbia compreso nel modo giusto il contenuto delle sacre scritture) sempre che non stia soggiogando gli altri approfittando della loro ignoranza?

C ‘è un altra immagine nella parabola di Adamo ed Eva ed è il “serpente” che influenza Eva che a sua volta convince Adamo. Il “serpente” , sempre secondo una mia soggettiva interpretazione, raffigura l’influenza esterna sugli uomini che non sanno decidere da soli quale sia la “strada giusta” ed affidandosi ad altri si confondono e vengono indotti all’errore. Il Creatore ha dato il “libero arbitrio” ad Adamo ed Eva e cioè la libertà di essere protagonisti del loro destino con la possibilità di sbagliare, ma ha dato loro però anche delle regole (strumenti) ad essi per evitare di cadere in errore… Quindi siamo tutti liberi e non obbligati da un destino prescritto, tutto dipende dalle nostre azioni che poi avranno delle conseguenze (“strada”) sia buone o cattive. Abbiamo la capacità per distingure il bene dal male e dobbiamo agire di conseguenza senza affidarci cecamente ad altri, la risposta è sempre dentro di noi ed è la nostra coscienza che  c’è la suggerice. Nessuno è l’unico depositario della verità apparte Dio ma non si può avere un dialogo diretto con Lui. Attenzione quindi ai vari “serpenti” che si possono trovare lungo la strada della vita che possono indurre all’errore, magari per i propi interessi!

Qualcuno ricorda cosa sono i generi di prima necessità e il superfluo?! Una volta si classificavano e si ditinguevano così le cose come la casa, il cibo, ed i vestiti non griffati dal lusso. Chiusa questa premessa ora parliamo della casa. Quel che una volta era un bisogno di prima necessità (a patto che non fosse naturalmente un castello) ora pare diventata indipendentemente dalla metratura e posizione nella città, solo un genere di lusso. Guardando i prezzi ingiustificati e senza più un metro di valutazione la casa di propietà per poterla avere, dato che non si può pensare di pagare l’affitto per la vita fin’anche da pensionato, bisogna fare dei mutui trentennali. Pensando che una persona sia che si sposi o rimanga singol, acquista la casa in media a trent’anni di età. Mi pare che forse fa attempo a morire di vecchiaia prima di vederla sua. A questo punto a che pro’ accollarsi un debito simile? Per lasciarlo ai posteri? Senza contare che bisogna vedere se si riesce a coprire la rata, nonostante si scelga un periodo più lungo per tenerla bassa, bisogna pensare anche che nel frattempo bisognerà continuare a pagare le spese condominiali ordinarie, le spese straordinarie per la manutenzione dell’edificio, ecc. Tirando le somme mi pare che la casa di propietà è oramai un miraggio. Lo stato dovrebbe mettere in condizioni a tutti di poterla avere monitorando e controllando i prezzi almeno facendo rispettare un metro di valutazione ormai perso come la valutazione al metro quadro, l’altezza del piano e la posizoine nella città. Una volta questo metro bene o male esisteva ed era lasciato alla autoregolamentazione del mercato, ma ora il mercato non ne tiene più conto. Il mercato ora è fatto da speculatori che devono guadagnare la loro fetta! Più è alta la valutazione e più in percentuale è alto il loro guadagno. Questi speculatori si chiamano mediatori immobiliari, un mestiere che anni fa non era così tanto diffuso come oggi, in catene di franchising organizzate come “catente di montaggio”. Il mercato ora ti propone anche un buco di monolocale da pochi meri quadrati ad un prezzo; se ti conviene (ommeglio se ce la fai…) te lo compri se no ti arrangi! Non mi pare che lo stato quindi stia facendo da garante dei diritti di tutti ma solo dei più abbienti, degli altri se ne disinteressa.

Questa è una raccolta di video in yuotube realizzati da dei giovani polacchi, in Varsavia. La loro goliardia è molto divertente, vivace, fantasiosa. Forse il più bello, anche se meno divetente, è su questo link http://youtu.be/PWV4hDSQxJg . Consiglio vivamente di gurdarli tutti iniziando da questo!! Gli altri verranno uno di seguito all altro in cascata. Buona visione!